VIDEO – Standing ovation per il concerto dell’A.N.C. – Sezione di Monopoli

Giovedì, ore 11:10

L’evento è stato organizzato per il 201° anniversario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ieri sera, un anno dopo il 200° anniversario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri, uno strepitoso concerto organizzato dall’A.N.C. (Associazione Nazionale Carabinieri) – Sezione di Monopoli in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Nino Rota” di Monopoli si è consumato nella suggestiva cornice offerta dal prestigioso chiostro della Caserma “Gaspare Farulla” della Compagnia dei Carabinieri di Monopoli, accuratamente illuminato ed abbellito per l’occasione.

L’arrivo dei Carabinieri a cavallo ha dato il via alla pregevole iniziativa, introdotta dal Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Monopoli, Magg. Giuseppe Campione e presentata per il secondo anno consecutivo da Veronica Pellegrino.

Nonostante l’improvvisa e tragica scomparsa del M° Vittorio Cerasa, gli insegnanti ed i ragazzi del Conservatorio hanno deciso comunque di esibirsi e perciò di dedicare il concerto – diretto dal M° Nicola Giuliani – al compianto docente di sassofono.

Una notizia che è stata come “un fulmine a ciel sereno” a pochi minuti dall’inizio del’evento, al quale hanno partecipato autorità civili e militari: erano presenti il Dirigente del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza Vice-Questore Aggiunto dott. Fabio Caprio, il Comandante della Capitaneria di Monopoli T.V. (CP) Salvatore De Crescenzo, il ViceComandante del locale Comando di Polizia Locale Olga Salerno, un rappresentante della Guardia di Finanza di Monopoli, il Presidente dell’Istituto Nastro Azzurro, Cav. M.llo Michele Lafronza, il Presidente A.N.M.I. Martino Tropiano ed il Presidente A.N.P.S. Antonio Bucci.

Lo spettacolo è iniziato con l’esibizione di ottoni e sassofoni: “il Conservatorio – ha sottolineato il M° Giuliani – è come una caserma: ognuno di noi ha il suo compito”sulle celebre note dell’Inno d’Italia di Mameli; la serata è proseguita con un interessante viaggio a ritroso nel tempo e delle più disparate nazioni del mondo: all’esecuzione di due brani dal tema popolare francese eseguita da un quartetto con la famiglia sax al completo, si è avvicendata quella del quintetto di ottoni formato da allievi ad un passo dal diventare maestri di musica, che suonano come professionisti e, di due trombe con trombone.

È venuto così il momento più atteso per i militari in servizio ed in quiescenza, quello della Virgo Fidelis cantata dalla solista Marzia Rizzi: si è assistito ad una vera standing ovation.

Dopo una breve pausa, durante la quale Umberto Sardella e Antonella Genca dei Mudù sono stati omaggiati rispettivamente da un gozzo (simbolo della città di Monopoli) e da un omaggio floreale per aver onorato le famiglie dei militari della loro presenza, il concerto è proseguito con fiati e percussioni sulle note di Ennio Morricone, al termine delle quali sono seguiti l’intervento del Sindaco Ing. Emilio Romani e del Col. Rosario Castello (Comandante dei Carabinieri della Provincia di Bari) che ha evidenziato l’importanza della Virgo Fidelis per i militari al servizio dei cittadini e mossi dalla missione di aiutare il prossimo: “la gradita presenza delle altre autorità militari, inoltre, è sintomo del fatto che c’è forte sinergia tra le istituzioni perché tutti siamo partecipi del ruolo assegnato dallo Stato”; prima del gran finale con le sigle dell’indimenticato Nino Rota in suo omaggio, il Magg. Campione ha consegnato un rosone della Chiesa di San Domenico al M° Antonio Papapietro (Direttore del Conservatorio “Nino Rota”) tramite il M° Giuliani e assieme al Presidente A.N.C. – Sezione di Monopoli, , ha consegnato gli attestati di partecipazione all’intera orchestra.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.


Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.