Giovedì, ore 10:29

Il partito riparte dalle Regionali 2015 con l’intenzione di voler ricostruire la coalizione di centrodestra, pur riconoscendo la propria indipendenza

Questo slideshow richiede JavaScript.

Volgendo uno sguardo al passato e passando per l’ultima tornata elettorale, Forza Italia riparte dalla consapevolezza che l’indiscusso leader del partito rimane l’ex Premier Silvio Berlusconi, con l’intenzione di voler ricostruire la coalizione di centrodestra, pur riconoscendo la propria indipendenza.

Un dato “inconfutabile” emerso nel corso della conferenza stampa indetta ieri mattina dal Commissario Cittadino Ignazio Amodio, dal Capogruppo F.I. Sergio Marasciulo e dall’uscente consigliere regionale Giovanni Copertino per fare una sintetica analisi di voto sulle Elezioni Regionali 2015.

Seppur il partito a Monopoli abbia trovato e “pagato” una sede (grazie alla collaborazione del Sindaco Emilio Romani che in primis si sarebbe mobilitato per cercarla) che però intende per scaramanzia non rivelare sino a che non sarà sistemata ed inaugurata, Forza Italia si considera un partito unito che proseguirà “lungo questa strada perché ci sono tanti traguardi importanti da raggiungere”.

Lo farà però senza il Presidente del Consiglio Comunale, Aldo Zazzera, che scegliendo di aderire al progetto dell’ex Ministro Raffaele Fitto è di fatto uscito dal partito: “ciò non toglie che la campagna elettorale è una cosa – ha sottolineato Marasciulo – e la sua carica istituzionale un’altra. Come abbiamo promesso al Primo Cittadino, noi non voteremo nessuna mozione di sfiducia; soltanto se il Consiglio Comunale non sentirà più la condivisione sulla sua persona, sarà lo stesso organo a deliberarlo”.

Per quanto concerne, invece, l’ultimo voto, di cui è stato protagonista Copertino come candidato al Consiglio Regionale della Puglia in una campagna elettorale che è stata definita dagli stessi “difficile”: “Forza Italia ha tenuto superando il 10% e i suoi voti erano maggiori rispetto a quelli della lista Oltre con Fitto che si è attestata al 4,99% – ha affermato il capogruppo – ringrazio perciò Vitali per il lavoro fatto in Regione. La candidatura dell’amico Giovanni – ha precisato – è stata una candidatura fortemente voluta da noi e dall’intero entourage. Lo portavamo come uno dei possibili eletti, ma c’è stata una forte astensione, che scusate la nostra – poco consueta – presunzione costituisce il bacino di Forza Italia. Abbiamo ritenuto di non alimentare il clamore creatosi con la liste degli impresentabili per calmierare l’evento, ma preciso che i delinquenti sono altri, non Giovanni”.

Al proposito, Copertino ha ringraziato Mimmo Muolo per un servizio da lui curato sull’Avvenire, approfondendo i dettagli della vicenda che lo ha visto protagonista per evitare che qualcuno compisse un gesto estremo in preda alla disperazione di essere senza un lavoro ed al contempo ha svelato di aver inviato un’epistola alla Bindi per essere ricevuto.

Nel frattempo, in città, non si parla ancora se il Commissario Amodio sarà riconfermato o meno perché il dialogo non si sarebbe ancora aperto all’interno del partito con i tesserati: “al momento, abbiamo soltanto un commissario regionale ed un altro provinciale; quando queste cariche saranno assegnate – ha asserito Amodio, che intende rimanere legato ai giovani di Forza Italia, mantenendo il suo incarico – avremo modo di parlarne”. In merito è intervenuto anche il capogruppo Marasciulo che ha garantito per lui: “Ignazio è il Commissario cittadino e svolgerà il ruolo affidatogli”.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.


Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.