Dalla Spagna a Monopoli, scambio culturale col Polo Liceale

Questo slideshow richiede JavaScript.

Giovedì, ore 10:02

 

Scambio culturale con l’Istituto Manjón di Granada. 16 alunni accompagnati dai docenti José Salas e Daniel Poley, in visita al Polo Liceale “Galileo Galilei” di Monopoli.
L’iniziativa è parte delle attività promosse dal Liceo Linguistico nel Piano dell’Offerta Formativa rivolta agli studenti per l’approfondimento della lingua e della cultura spagnola.
A coordinare il progetto le professoresse Marilena Simone, docente di Lingua Spagnola, e Roberta Colazzo, docente di Matematica e Fisica, con il coinvolgimento dei 27 alunni della classe III A Linguistico.
Tra le visite e la conoscenza del territorio anche il centro storico di Monopoli, i Sassi di Matera, il barocco della città di Lecce, la cattedrale di Otranto, i trulli di Alberobello e l’Uomo di Altamura.
“Gli studenti e i docenti spagnoli sono ospiti degli studenti e docenti monopolitani – ci dice Marilena Simone, Docente Referente del Progetto “Entre España e Italia: descubriendo otros mundos”- e l’accoglienza sarà ricambiata dall’1 all’8 giugno 2015 in un’atmosfera di festa e celebrazioni, ricorrendo durante il soggiorno, la festa del Corpus Cristi, una tra le più sentite e importanti della città di Granada. La differenza d’età non ha impedito che si creassero solidi rapporti di amicizia e scambi di esperienze profondamente umani che il soggiorno in Spagna contribuirà a consolidare ulteriormente in una più ampia dimensione culturale europea”.
Giovedì 21 maggio 2015, festa dell’Europa al Polo Liceale con uno spettacolo di saluto e un momento conviviale che vedrà insieme gli alunni della III A Linguistico, gli alunni spagnoli, la classe III B Linguistico e gli alunni tedeschi, anch’essi in scambio scolastico.
“I progetti di scambio con le scuole della Spagna -ci dice il Dirigente Scolastico, Martino Cazzorla- sono parte integrante della nostra proposta formativa all’estero ed in particolar modo di sensibilità e accoglienza verso i docenti e gli studenti, grazie all’impegno di tutta la comunità scolastica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.