image009Sabato, ore 09:52

 

Il Sindaco ha incontrato i tifosi

 

Per fare il punto sulla situazione dei lavori allo stadio “Vito Simone Veneziani” e sulle iniziative da intraprendere per adeguare l’impianto sportivo alle prescrizioni richieste in caso di ripescaggio della squadra di calcio della SS Monopoli 1966 in Lega Pro, nel pomeriggio di martedì scorso il Sindaco di Monopoli Emilio Romani ha incontrato i rappresentati dei gruppi organizzati dei tifosi (Army Korps Monopoli, Bad Boys, CSM Monopoli, Ultras 93 Monopoli e Associazione Centro Coordinamento Biancoverde).

«Per lunedì prossimo è stata convocata la Commissione Pubblico Spettacolo per approvare il progetto definitivo dei lavori allo stadio ‘Vito Simone Veneziani’. La riunione segue l’incontro che nei giorni scorsi ho avuto presso il Comando dei Vigili del Fuoco con il Dott.Ing. Vincenzo Ciani e il sopralluogo effettuato successivamente presso lo stadio», ha evidenziato il Sindaco.

«Il progetto che portiamo in commissione tiene conto di tutti i requisiti necessari per l’iscrizione non solo in serie D ma soprattutto nella Lega Pro nel caso di ripescaggio come la fornitura di palmari, l’installazione della videosorveglianza e la realizzazione di una cabina di regia. Inoltre, l’Amministrazione Comunale si assumerà l’impegno a dotare lo stadio delle strutture di prefiltraggio mobili da montare in occasione delle partite casalinghe in via Fiume come richiesto dall’autorità di Pubblica Sicurezza», ha sottolineato il Sindaco Emilio Romani che ha annunciato un incontro con la società in programma giovedì prossimo.

«Alla commissione di lunedì prossimo dovrà seguire la segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) e il sopralluogo dei Vigili del Fuoco allo stadio al fine di ottenere quell’agibilità necessaria. Con la società definiremo le modalità operative per la gestione dello stadio nel rispetto delle prescrizioni richieste ma ora è importante raggiungere l’obiettivo per non farci trovare impreparati nel caso in cui la nostra squadra sia ripescata», conclude Romani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.