Impiantistica sportiva? L’Amministrazione Romani punta allo sviluppo dell’aspetto turistico-sportivo

incontro sport sala riunioni iaia delega (5)

Giovedì, ore 18:22

A breve, novità per la tensostruttura nel campo “C”

È una strada ancora tutta in salita, quella riguardante l’impiantistica sportiva a Monopoli, ma l’Amminsitrazione Romani non demorde ed intende puntare allo sviluppo dell’aspetto turistico-sportivo.

A confermarlo, il Presidente della Commissione Sport Carmela Paulangelo che si sta muovendo in sinergia con il Consigliere delegato Cristian Iaia ed il Sindaco Emilio Romani: «Sembra si sia finalmente arrivati ad uno sviluppo della pratica dei Vigili del Fuoco per quanto riguarda l’ottenimento dell’agibilità definitiva dello Stadio Comunale “Vito Simone Veneziani”. Il Sindaco ha preso di petto la cosa e siamo in tre ad averci messo gli occhi addosso: io, il Delegato che sta compiendo un ottimo lavoro di sensibilizzazione e primo su tutti il Primo Cittadino che, in prima persona, ogni settimana è costretto ad autorizzare di pugno proprio la possibilità di far entrare gente allo stadio. Penso sia giunta l’ora di finirla – ha commentato la Paulangelo – perché l’ente deve esprimersi bene per capire quali altri lavori dobbiamo ancora fare e se si sono eseguiti bene quelli che abbiamo già fatto; oltre tutto, si sta coinvolgendo anche l’organi di Polizia affinchè gli enti smettano di parlare in maniera differente».

Infatti, sull’argomento è stato dato mandato all’ingegner Colacicco di fare il punto della situazione: «noi amministratori vogliamo essere certi che si siano individuate le problematiche».

Nel frattempo, per quanto riguarda il discorso degli altri impianti sportivi si è optato nel «non fare una mega struttura – spiega il Consigliere Comunale – perché siamo convinti che in questo momento ciò non serva su Monopoli: stiamo cercando di fare progetti che vadano a diversificare più situazioni anche con contenitori più piccoli, ma funzionanti; a tal proposito, abbiamo spostato l’attenzione sulla ristrutturazione di tutti gli impianti sportivi anche scolastici».

Tuttavia, nessuna novità c’è ancora in merito alla realizzazione della tensostruttura nel campo “C”, nonostante tutto sembra sia a posto dal punto di vista burocratico e l’inizio dei lavori sarebbe stata pronosticata per il mese di maggio: «c’è anche la situazione di IOGIOCOLEGALE: a giorni dobbiamo capire quando partiranno i lavori perché mi hanno dato come scadenza maggio, ma maggio è arrivato. Tempo la prossima settimana avrò un incontro con l’Assessore Annese per chiarire questa storia. Nell’arco di tre mesi e prima che finisce l’anno – difatti – siamo obbligati a completare la pratica altrimenti si perderà il finanziamento. Non penso che questo avverrà. La gara è stata vinta ed ora si attende risposta da parte del Ministero per avere l’ok. L’interesse è alto», garantisce.

Rimane invece in sospeso la spinosa questione dell’incompleto Palazzetto dello Sport di via Procaccia: «amo chiamarlo il palazzone di cemento: molta gente ci ha parlato a sproposito, ma io da buona sportiva ho l’abitudine di parlare su cose fattibili e da fare; i sogni vanno fatti con le conquiste ottenute con impegno. C’è uno studio – commenta – su cui si sta provando a capire se realizzare o meno due situazioni per due discipline sportive in modo prioritario, ma rendendo tutti gli impianti polifunzionali. Per le competenze che ho, tutti gli impianti dovranno essere messi in condizione di ospitare più situazioni per sviluppare maggiormente l’aspetto turistico-sportivo su cui l’Amministrazione sta puntando e quindi ottenere da parte delle federazioni la possibilità di accogliere una serie di manifestazioni di carattere nazionale ed internazionale. Tra l’altro, i presupposti ci sono, le competenze altrettanto e gli agganci non mancano: ognuno ha il suo riferimento nelle federazioni. Il prossimo futuro, se noi sblocchiamo l’impiantistica sportiva, permetteremo a tutti quanti di fare una programmazione migliore. Ciò significa iniziare a vedere qualche risultato per poi fare un ulteriore sforzo – ha aggiunto, avviandosi alla conclusione – siamo tutti bloccati: tanta passione e devozione potrebbero non bastare, a meno che l’obiettivo non sia esclusivamente quello di deviare i giovani dalla strada…».


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.


Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

481 Visite totali, 1 visite odierne

Redazione The Monopoli Times

“The Monopoli Times, la nuova frontiera dell’informazione” – www.monopolitimes.com

Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Bari R.G. 4349/2014 Reg. Stampa 33