Lunedì, ore 10:32

Il Comune di Monopoli ha espresso parere negativo in merito alla procedura di consultazione trasfrontaliera relativa alla Valutazione Ambientale Strategica (VAS) del Piano e Programma Quadro di ricerca e produzione degli idrocarburi nell’Adriatico della Croazia.

Tale piano, redatto dal Ministero dell’Economia della Repubblica di Croazia, prevede attività di esplorazione e successivo sfruttamento di idrocarburi nella parte croata del mare Adriatico ed il successivo sfruttamento. L’area interessata si estende per 35.000 km2 di superficie dell’Adriatico, all’interno della quale sono stati individuati 29 blocchi nei quali è prevista la realizzazione di pozzi esplorativi allo scopo di accertare la presenza di quantitativi di idrocarburi commercialmente interessanti. Successivamente alla fase di ricerca degli idrocarburi, sarà avviata la fase di produzione  consistente nella perforazione e l’attrezzamento dei pozzi, la realizzazione degli impianti di processo e, infine, la produzione degli idrocarburi. Ciò comporterà anche la costruzione di condotte sottomarine e il posizionamento di piattaforme di produzione. Sulla piattaforma di produzione si svolgeranno le operazioni di lavorazione del petrolio e del gas e la loro preparazione per il trasporto. Una volta avvenuto il trasporto sino alla costa, può rendersi necessaria un’ulteriore lavorazione degli idrocarburi in strutture come raffinerie petrolifere, impianti per la lavorazione del gas o impianti petrolchimici.

Dalla lettura della documentazione messa a disposizione emerge che il progetto avrà diverse ripercussioni sull’ambiente in termini di inquinamento del mare, aumento del livello di inquinamento acustico, impatto sulla biodiversità, stato di qualità del mare e di salute complessivo delle diverse specie marine, con potenziali ripercussioni su settori locali strategici rappresentati dal turismo balneare, attività di pesca, cantieri navali, traffico marittimo e vie di navigazione. Inoltre altro elemento da non sottovalutare è la probabilità di accadimento di incidenti che possono generare catastrofi ambientali come accaduto in passato (sversamento di petrolio nel Golfo del Messico avvenuta nell’aprile del 2010).

Le valutazioni sull’impatto ambientale riportate nei documenti risultano molto generiche, rimandando in molti casi  la trattazione più dettagliata di aspetti importanti  alle fasi successive. Manca inoltre un’analisi specifica sugli effetti transfrontalieri derivanti dallo svolgimento delle attività previste dal PPQ.

Il  Comune di Monopoli ha prodotto le seguenti osservazioni: necessità di valutare gli effetti indotti dal PPQ, in un quadro di riferimento più ampio, che contempli anche la Strategia dell’Ambiente Marino. Tale strategia fa riferimento ad un approccio eco-sistemico che favorisca un approccio resiliente dell’ecosistema marino; necessità di sviluppare la resilienza dei territori e delle comunità, oggetto dello “Hyogo Framework for Action 2005-2015: Building the Resilience on Nations and Communities to Disaster” (HFA 2005-2015), programma sviluppato dall’ONU nell’ambito della Strategia Internazionale di Riduzione dei Disastri (UN-ISDR).

Inoltre, l’Ente Comunale ha evidenziato che siano valutati anche  i seguenti aspetti: potenziali impatti transfrontalieri dovuti all’inquinamento del mare, all’aumento del livello di inquinamento acustico, all’impatto sulla biodiversità, allo stato di qualità del mare  e stato di salute complessivo delle diverse specie marine; effetti cumulativi indotti dal PPQ riferiti ad un quadro di riferimento spazio-temporale più ampio; verifica della coerenza del PPQ con le strategie innanzi richiamate e con le politiche di sviluppo economico ai diversi livelli istituzionali, con particolare riferimento alle Regioni ed agli Enti Locali.

Sulla scorta delle osservazioni soprariportate ed in coerenza con le  valutazioni e le considerazioni già espresse in passato da questo Comune in relazione a simili interventi proposti che interessano il territorio di propria competenza, è stato espresso parere negativo.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.