Seminare per il futuro e garantire una boccata di ossigeno alla nostra esistenza

Questo slideshow richiede JavaScript.

Giovedì, ore 18:05

Il messaggio tratto dal racconto de “L’uomo che piantava gli alberi” e dal Laboratorio “Pollicino Verde” di Naturalmente 2015

Un impegno quotidiano di ciascun individuo in materia di ambiente produrrebbe effetti positivi per tutto l’ecumene, rimediando agli errori del passato.

Dare vita ad un albero significherebbe seminare per il futuro e garantire una boccata di ossigeno alla nostra esistenza.

Un messaggio che, domenica scorsa, è stato lanciato nell’ambito del secondo appuntamento del programma “Le Domeniche per i più piccoli” (sei appuntamenti per imparare ad amare e rispettare il nostro pianeta), grazie all’affascinante racconto della storia dello scrittore francese J. Giono: “L’uomo che piantava gli alberi”, dal team naturalMENTE di Monopoli che anche quest’anno, in collaborazione con Salviamo il Paesaggio – Difendiamo i Territori Monopoli, Terra d’Egnazia, Salvaiciclisti Monopoli e il Comitato di Monopoli Stop TTIP, ha avviato la campagna di sensibilizzazione, informazione ed educazione ambientale “Naturalmente 2015” presso l’auditorium della Chiesa del Sacro Cuore.

La storia del pastore che, con impegno costante, riforestò da solo un’arida vallata ai piedi delle Alpi, vicino alla Provenza, nella prima metà del XX secolo, ha suggestionato la nuova generazione, particolarmente colpita dalle esperienze di altri coetanei.

La proiezione de “L’orto di coccole sonore edu”, inoltre, ha sapientemente introdotto il laboratorio “pollicino verde”, durante il quale i numerosi presenti hanno potuto ammirare differenti semi, che i più piccoli hanno seminato in un vaso affinché da essi possa nascere una pianta; ai più grandi invece sono state affidate delle piantine vere e proprie da curare e far crescere con tanto amore e dedizione…


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.


Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.