Giovedì, ore 18:52

L’inaspettata conferenza stampa a Palazzo di Città

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nella mattinata odierna, grazie alla presentazione del progetto nazionale RAEE@SCUOLA3, al quale aderisce anche il Comune di Monopoli, il momento di incontro in programma tra l`Associazione A.P.O. Puglia “prevenzione con il sorriso” ONLUS di Monopoli e l`Assessore allo Stato Sociale Rosanna Perricci si e` tramutato in un`inattesa conferenza stampa, tenutasi presso la Sala Riunioni a Palazzo di Citta`, alla presenza di alcuni referenti dei vari istituti comprensivi cittadini e del consigliere comunale Erika Lotesoriere.

L`adesione o meno al progetto sperimentale “Diagnosi precoce delle Malattie della Tiroide” e` quello che e` diventato il pomo della discordia: “nel mese di maggio, infatti – ha spiegato la Dirigente Anastasia Narracci del II Circolo “G. Modugno – G. Galilei” – gli studenti delle scuole cittadine saranno molto impegnati con le varie iniziative alle quali gli istituti scolastici hanno aderito e percio` temiamo che i loro genitori possano lamentare un ritardo nei programmi curriculari”.

Rimostranze che per l`ApoPuglia non possono far “saltare” l`iniziativa promossa dagli endocrinologi dell`Associazione Dr. Michele D`Ercole (Direttore Sanitario A.P.O. Puglia ONLUS) e la dott.ssa Annalisa Montanaro assieme al Presidente Antonio Lippolis ed al Vice Presidente Claudio Licci con la collaborazione dell`Amministrazione Comunale, che si rivolgera` alle classi delle scuole secondarie di primo grado e in via sperimentale solo per le classi terze.

Si prevedono lezioni della durata di circa un`ora e trenta minuti che riguarderanno l`anatomia, la fisiologia e le malattie della tiroide; nella seconda fase, saranno effettuate ecografie gratuite della tiroide a tutti gli alunni che prenderanno parte al progetto con apposito consenso scritto dei genitori.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.


Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.