Il tricolore esposto come simbolo della Patria

11609_915298065168594_6311524280957143684_n

Martedì, ore 22:19

 

L’invito del Sindaco Romani per la Giornata dell’Unità Nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera”

Esporre la bandiera tricolore dal balcone di casa è l’invito rivolto dal Sindaco di Monopoli Emilio Romani alla cittadinanza monopolitana per quest’oggi (17 marzo 2015), nel giorno in cui ricorre il 154° anniversario dell’Unità d’Italia, che ricorda l’insediamento del primo Parlamento Italiano.

Un’iniziativa poco pubblicizzata e che pertanto ha riscosso una scarsa partecipazione.

“In memoria dei nostri antenati e come impegno verso le generazioni future – spiega il Primo Cittadino – è necessario conservare il ricordo e il significato di questa storica giornata e del percorso di costruzione dell’Italia unita, che ha creato la nostra identità individuale e collettiva. I cittadini italiani e tutti coloro che pacificamente vivono e lavorano nel nostro Paese devono appropriarsi di questa giornata, che vuole essere di festa, di riflessione sul passato e di impegno per il futuro. La nostra città ha bisogno di crescere e prosperare – afferma Romani – La ripresa dello sviluppo economico richiede l’impegno quotidiano di tutti noi, e non può fare a meno del desiderio di stare insieme, di sentirsi uniti e di agire come una comunità. Che il 17 marzo sia dunque una giornata particolare, come richiede l’importanza della ricorrenza. Auspichiamo che sia soprattutto uno stimolo alla riflessione su cosa significa sentirsi italiani, per far sì che questo sentimento sostenga anche per il futuro il nostro impegno nel lavoro, nella famiglia, nella società, nelle istituzioni. Tutti insieme – conclude il Sindaco – diamo dunque visibilità a questa riflessione, esponendo al balcone della nostra casa la bandiera tricolore, simbolo della patria”.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.


Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.