Sabato, ore 12:47

Appuntamento a questa sera (14 marzo 2015) presso il Salone del Conservatorio

 

Questa sera, all’interno del Salone del Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli è in programma “OPERA AL BUIO – Un’esperienza acusmatica” con ingresso libero (porta ore 19:50; start ore 20).

Si tratta di un’esperienza sperimentale della percezione e dell’infinito potenziale del suono.

Cercando di scaricare o meglio, di togliere memoria archetipica al fenomeno musicale, come oggi viene comunemente inteso, si vuole andare incontro verso l’inaudito, creando la condizione ottimale per condurre il pubblico verso un vissuto esperienziale completamento altro. La sostanziale importanza di questa sperimentazione sta nel costruire un’occasione unica in cui poterci rendere consapevoli della musica insita nei fenomeni naturali e artificiali, in cui rimettere l’uomo al centro del “paesaggio sonoro” e in una consapevole accettazione della rumorisita’ contemporanea, innesco quindi di una fruizione attiva e senziente del concerto. La ri-attivazione dell’ascolto si serve del concetto pitagorico di acusma per meglio focalizzare una meditazione sul suono scollata dall’“obsoleta” e pregnante potenza visuale occidentale, acusma quindi come fantasma sensoriale costituito da suoni la cui vera fonte d’emissione è invisibile, facendo si che il senso dell’udire sia predominante e al massimo delle sue possibilità ricettive. La creazione di questo oscuro spazio immaginativo, quasi fosse un utero materno, dona il soffio della creazione alla vita interna del rumore esperita in funzione di un’ecologia della mente e in economia di mezzi, a ricordarci come un concetto ad oggi stereotipato e di accezione negativa possa invece farsi tramite di bellezza e divenire un frammento spazio-temporale ed estetico assolutamente in-forme e potenzialmente luogo del tutto. (Alisia Cruciani_2014).


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.


Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.