Superare la crisi attraverso la cultura

IMG-20150227-WA0001

Lunedì, ore 17:34

Gli studenti del Liceo Artistico provano a rifletterci

Superare la crisi attraverso la cultura è possibile? Ne ha parlato venerdì 27 febbraio presso l’Aula Magna dell’Ateneo di Bari il dott. Alessandro Laterza, editore e vicepresidente di Confindustria Puglia con delega al Mezzogiorno.

Gli alunni delle classi IV D dell’indirizzo Architettura e Ambiente e V B dell’indirizzo Audiovisivo e Multimediale del Liceo Artistico- IISS Luigi Russo di Monopoli hanno partecipato all’incontro, inserito nell’ambito dell’importante progetto/concorso nazionale “Articolo 9 della Costituzione”, promosso dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, dal Ministero per i Beni e le Attività culturali e il Turismo, dalla Fondazione Studi e Ricerche “Benetton”, dal Senato della Repubblica, dalla Camera dei deputati, dal Ministero degli Esteri, dal “Il Sole 24ore” e dalla RAI. Il tema che gli studenti  affronteranno è “Cittadinanza attiva per superare la crisi attraverso la cultura e il patrimonio storico e artistico”.

Una sfida importante considerate le potenzialità del patrimonio culturale italiano e lo spirito di iniziativa che deve scaturire proprio dalle nuove generazioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il progetto/concorso, giunto alla terza edizione, ha come finalità la promozione dei principi della cittadinanza attiva e consapevole e quest’anno mira a indirizzare conoscenze e competenze nella direzione di una crisi che non è solo economica.

Il dott. Laterza ha analizzato i numeri negativi della crisi, segnalati dagli indicatori economici internazionali, evidenziando all’interno di essi come con la crisi abbia diminuito il numero dei lettori di oltre il 65% (quantificabile in un milione circa di lettori in meno), e ha puntualizzato quello che, pubblico e privato, uniti in una sinergia virtuosa, dovrebbero fare non solo per la tutela, ma soprattutto per la valorizzazione dei beni culturali, affinché diventino veramente accessibili a tutti e voce attiva del bilancio generale dello Stato. I Beni culturali, infatti, possono diventare opportunità di lavoro per i giovani, “sfruttandoli” adeguatamente per il turismo culturale. Secondo il vice presidente di Confindustria, non si può prescindere dal possesso, da parte dei giovani, di competenze significativamente solide e sicure conoscenze per progetti che abbiano una ricaduta importante sul lavoro e sul territorio. A tal fine è opportuno sviluppare ulteriormente i progetti di alternanza scuola-lavoro nel settore dei beni culturali e paesaggistici al fine di accorciare le distanze tra formazione e mondo del lavoro. Tante le parole e le domande, ma soprattutto le speranze dei docenti, degli alunni e delle istituzioni che sono intervenute, in particolare il Magnifico rettore dell’Università degli studi di Bari e i referenti nazionali del progetto.

Prof.ssa Laura Turi


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.