Sabato, ore 07:08

 

A bordo della sua auto ha puntato lo zio che si trovava fermo sul marciapiede e poi lo ha letteralmente “falciato”. Non contento è sceso dall’auto e ha tentato di finirlo con calci e pugni. Identificato è finito in manette. Si tratta di un 32enne barista barlettano arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Barletta, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per tentato omicidio, minaccia e ingiuria. Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Trani su richiesta della locale Procura della Repubblica che ha concordato con le risultanze investigative presentate dai militari.

Nel mese di agosto dello scorso anno, in una traversa del centro cittadino, a causa di dissidi familiari dovuti ad un debito non onorato, ha pensato di investire lo zio mentre sostava a bordo strada, ribaltandolo sul marciapiede. Poi, non contento, mentre questi era accasciato a terra, lo ha colpito con pugni e calci ingiuriandolo. A riprendere tutto una telecamera che, immortalando le violente fasi dell’episodio, ha consentito di raccogliere sul conto dell’uomo numerosi elementi di responsabilità in ordine al tentato omicidio del parente. Tratto in arresto su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, il 32enne è stato collocato ai domiciliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.