Sabato, ore 20:06

 

Appuntamento a mercoledi` 4 marzo 2015 alle ore 20:00 nella saletta della Chiesa del Sacro Cuore di via Fiume

Quest`anno, diventa quindicinale l`appuntamento con la campagna di sensibilizzazione, informazione ed educazione ambientale (e non solo) 2015 organizzata dal movimento naturalMENTE, ovvero da cittadini che, accomunati da uno spirito di profondo rispetto verso l’ambiente, si impegnano con tenacia, fantasia e creatività per tenere alta l’attenzione sulle emergenze del nostro pianeta e proporre modelli e stili di vita ecologici: a costo zero per chi partecipa e profitto zero per chi organizza! (Perché Zero dovrebbe essere l’impatto di ciascuno di noi sull’ecosistema!), che questa settimana rinnova l`invito a gremire la saletta teatrale della Chiesa del Sacro Cuore di Gesu` (via Fiume a Monopoli) per assistere alla proiezione di “Trashed” sul delicatissimo tema dei rifiuti, alla presenza di Vito Antonacci (responsabile per la Puglia della campagna internazionale Rifiuti Zero).

Mercoledi` 4 marzo 2015, infatti, grazie alla collaborazione – di cui “Naturalmente 2015” si arricchisce – con altre associazioni, movimenti e comitati attivi sul nostro territorio e particolarmente attenti ai temi trattati dal team, si parlerà di come trasformare un grande problema in una grande risorsa.

Attraverso tutte le nostre attività e azioni quotidiane, dal lavoro al tempo libero, ogni giorno nel mondo produciamo circa 24.082.500 tonnellate di rifiuti (sì, avete letto bene: ventiquattro milioni e ottantaduemilacinquecento tonnellate!).

Il mondo rischia di essere letteralmente sommerso dagli scarti di qualsiasi attività umana. E’ un grande problema. Ma, se solo cambiamo prospettiva, possiamo davvero trasformare un grande problema in una grande risorsa. Possiamo farlo senza avvelenare il nostro territorio e l’aria che respiriamo. Possiamo rendere le nostre città più belle e più sane e magari ridurre fin quasi ad azzerare non solo i rifiuti ma anche le tasse sui rifiuti.

Sembra un sogno? Per noi è un bel sogno, ma altrove è realtà. Lo è in molte città del mondo come in tante città italiane. Lo sapevate che le migliori esperienze di gestione del ciclo dei rifiuti sono state pensate e realizzate proprio in Italia? Sono le città che hanno sposato la filosofia “rifiuti zero”.

Dire “rifiuti zero” significa puntare a ridurre a zero, o quasi il residuo dei rifiuti che non è ancora possibile trasformare in materie prime. Lo sappiamo già: alcuni vi diranno che queste cose sono possibili solo in piccoli centri, in paesini di poche anime. Che nelle città estese popolose non si può. Niente di più sbagliato e di più falso.

“Venite a rendervene conto di persona e a discutere – rimandano gli organizzatori – sulla base di numeri e dati di fatto con Vito Antonacci, responsabile per la Puglia della campagna internazionale Rifiuti Zero. La visione delle immagini di “Trashed”, il suggestivo ed eloquente film documentario di Candida Brady e Jeremy Irons, ci aiuterà ad entrare nel tema. Come sempre saranno benvenute le vostre curiosità, le vostre domande e le vostre provocazioni. Gli appuntamenti di naturalMENTE sono anche momenti di incontro, per stare bene in compagnia e, come sempre, a fine serata sarà possibile degustare le prelibatezze culinarie, possibilmente in linea vegana o vegetariana, cortesemente offerte da chi sarà disposto a prepararle e condividerle con tutti i partecipanti. rediamo fermamente nell’importanza del “momento del convivio” come mezzo per socializzare, confrontarsi e lasciarsi contaminare, sentendosi più comunità. Ricordiamo a chiunque voglia prender parte al banchetto, di portare con sé un piatto, un bicchiere e delle posate, così eviteremo di utilizzare quelle di plastica e di produrre rifiuti”.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.