Questo slideshow richiede JavaScript.

Martedì, ore 10:45

Alla scoperta dell’Europa sul bel Danubio blu. In realtà alla scoperta di Budapest e dell’Ungheria per 47 studenti del Polo Liceale “Galileo Galilei” di Monopoli, delle classi III A del Liceo Scientifico, IV B del Liceo linguistico, V A del Liceo delle Scienze Applicate, accompagnate dai docenti Antonia Fiume, Maria Teresa Rossani, Annamaria Palumbo Referente del viaggio e dal Dirigente Scolastico, Martino Cazzorla. A Budapest ha accompagnato culturalmente la guida turistica Nikoletta Ertsey.

Il viaggio d’istruzione si è svolto come da programma con la prima  giornata di viaggio e la seconda  di visita guidata della città del Castello di Buda, del Palazzo Reale e con ingresso alla Chiesa di Mattia. Dal 1987, il Palazzo Reale è stato inserito nella Lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO, insieme alle sponde del Danubio e, dal 2002, alla via Andràssy Ut. Il Danubio separa la vecchia e regale Buda  dalla moderna Pest; un tempo due distinte città.

La città di Buda conserva ancora le tracce imperiali, con il famigerato  Palazzo Reale, altro emblema della potenza imperiale degli Asburgo. Caratteristica per le sue stradine lastricate e le casette colorate, questa zona offre una vista panoramica senza eguali: dal Bastione dei Pescatori, singolare baluardo di Buda con le sue sette torri coniche, gli sguardi dei visitatori spaziano dalla silenziosa isola Margherita alla mitteleuropea Pest.

Nel pomeriggio, ingresso al Palazzo del Parlamento con visita guidata in lingua italiana.Passeggiata per Pest e visita ai  mercatini che si trovano lungo Vaci Utča e al Mercato Centrale Coperto. Quest’ultimo al suo interno brulica di budapestini che si accalcano tra l’odore pungente dei prodotti tipici: paprika, spezie varie e soprattutto salame. L’atmosfera, nel suo complesso, appare colorata e accogliente, per i variegati pizzi, i fantasiosi merletti e i ricami vari, le vivaci ceramiche e i luccicanti cristalli, principalmente al primo piano, dove si possono anche gustare piatti tipici della cucina ungherese. Visita del quartiere ebraico.Cena presso il ristorante BorLaBorcon degustazione di prodotti tipici. Prima colazione e pernottamento presso Hotel Actor Business di categoria 4 stelle.

Terzo giorno di visita guidata della città e minicrociera sul Danubio. Tra la città e il fiume esiste un rapporto intimo e indissolubile. La capitale ungherese, anche definita “la Parigi dell’Est”, adorna e decora, con i suoi numerosi monumenti, le sponde del bel Danubio blu. Il maestoso Parlamento neogotico, che di notte si illumina e risplende riflettendosi sul fiume, spicca nel meraviglioso panorama della silenziosa città. Ingresso alla Basilica di Santo Stefano. La basilica è l’edificio diculto più importante di tutta l’Ungheria, anche perché al suo interno custodisce la reliquia più venerata del paese: la mano destra mummificata del santo a cui è intitolata la chiesa.

È inoltre la sede cittadina dell’arcidiocesi metropolitana di Esztergom-Budapest. Nel pomeriggio visita  (fuori programma) delle alte mura della Cittadella. Questa fortezza svetta su un altopiano, la collina Gellért, che prende il nome dal missionario che cercò di portare il cristianesimo nella zona. Con i suoi 235 metri, la collina Gellért è uno dei punti più alti di Budapest. La struttura fu eretta nel 1854 come luogo di difesa durante la monarchia asburgica. Circa un secolo dopo, fu occupata dai Russi durante la rivolta ungherese del 1956. Discesa dalla collina e attraversamento a piedi del Ponte delle Catene. Fu il SzéchenyiLánchíd, il Ponte delle catene, a collegare per primo le due città. Rimesso in piedi dopo la Seconda Guerra Mondiale, è la costruzione più famosa per l’unione fisica e storica, e per l’indiscusso valore architettonico. Cena presso ristorante Hard Rock Cafè.

Quarto giorno ingresso al Museo del Terrore con visita guidata in lingua italiana. Lo scioccante museo chiamato Casa del Terrore è stato allestito nell’ ex sede centrale della temutissima polizia segreta ÁVH. L’edificio ha una storia spaventosa: tanto prima della seconda guerra mondiale quanto negli anni che seguirono, qui venivano condotti i dissidenti di ogni credo politico caduti in disgrazia ed è qui che questi subivano interrogatori e torture. Le pareti erano spesse il doppio del normale per evitare che le loro urla fossero sentite all’esterno. Per mezzo di una mostra permanente chiamata Doppia Occupazione, il museo è incentrato sui crimini  e sulle atrocità perpetrate dai regimi fascista e stalinista in Ungheria. Visita a Piazza degli Eroi e del Parco Municipale. Tempo libero per shoppinglungo Vaci Utča.Cena presso il ristorante BorLaBor.

Quinto ed ultimo giorno visita della cittadella medioevale di Visegrád e della città di Szentendre (fuori programma). Visegrád è famosa per i resti del palazzo d’estate rinascimentale di Mattia Corvino, re d’Ungheria e per la cittadella medioevale. Situata a circa 35 km a nord di Budapest, sulla riva destra del Danubio, dove inizia la relativa ansa, ai piedi dei monti omonimi.

Szentendre o Sant’Andrea è una  città che si trova lungo il Danubio, nella provincia di Pest a circa 20 km a nord di Budapest. La città è nota per i suoi numerosi musei, gallerie d’arte e i folkloristici negozietti.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.