foto2

Venerdì, ore 08:55

I Finanzieri del Comando Provinciale di Bari, durante un’attività di servizio finalizzata alla repressione dei traffici illeciti, all’uscita del casello autostradale di Bari Nord procedevano al controllo di un autoarticolato refrigerato con targa spagnola.

L’automezzo risultava trasportare circa 23 tonnellate di banane ed arance che, secondo i documenti esibiti, erano dirette ad un’azienda che, così come accertato nella circostanza, nulla aveva a che fare con il commercio della frutta. I sospetti trovavano una prima conferma quando il fedele cane antidroga “Petra” si mostrava “particolarmente interessato” al carico.

Si procedeva, quindi, ad un’approfondita ispezione dei veicolo, rinvenendo, abilmente occultati all’interno delle numerose confezioni di banane, un ingente quantitativo di “hashish”, pari a 305 chilogrammi, che, sul mercato, avrebbe fruttato ai narcotrafficanti circa 2,5 milioni di euro.

L’intero carico di frutta, su autorizzazione dell’A.G. inquirente, è stato devoluto in beneficenza alla Fondazione Santi Medici di Bitonto (BA).

I due autisti del mezzo, gli spagnoli J.M.V., di anni 40, e M.B.C., di anni 39, sono stati tratti in arresto ed associati presso la Casa Circondariale di Bari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.