Venerdì, ore 08:00

 

 

Un immobile ad uso commerciale del valore di circa 100 mila euro è stato sequestrato al titolare di una ditta di Molfetta (BA), operante nel settore del commercio di ricambi usati per auto, dai Finanzieri della locale Tenenza.

Il soggetto, così come è stato accertato nel corso di una verifica, non aveva presentato le previste dichiarazioni fiscali per l’anno 2011, pur avendo effettuato vendite per oltre 200 mila euro con un’imposta evasa quantificata in circa 100 mila euro.

Le Fiamme Gialle sono giunte a tali conclusioni analizzando i conti correnti bancari dell’imprenditore e del coniuge. Quest’ultima, in particolare, pur non svolgendo alcuna attività produttiva di reddito e risultando formalmente estranea alla ditta intestata al marito, aveva posto in essere ingenti movimentazioni finanziarie, in realtà riconducibili all’evasione fiscale commessa dal marito.

Il predetto imprenditore veniva, quindi, denunciato all’A.G. di Trani per “dichiarazione infedele” con conseguente proposta di sequestro di beni per un valore “equivalente” alle imposte evase, accolta dal G.I.P. del Tribunale di Trani.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.