Questo slideshow richiede JavaScript.

Mercoledì, ore 10:03

Nel quadro del rafforzamento delle misure di sicurezza e controllo all’interno del porto di Bari, attuato anche a contrasto dei traffici illeciti, i finanzieri del Gruppo Bari, in collaborazione con funzionari del locale Servizio Antifrode dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno proceduto al sequestro di circa 19 chilogrammi di “eroina” nei confronti di un soggetto nativo del Kossovo.
L’uomo, un 47enne di cittadinanza britannica, aveva ideato un singolare ed ingegnoso stratagemma per occultare lo stupefacente, senza, comunque, riuscire a sfuggire ai controlli.
Infatti, a bordo di una “Peugeot 607”, con targa britannica, era appena sbarcato da una motonave proveniente dalla Grecia accingendosi a lasciare l’area portuale barese, quando veniva intercettato.
L’attenta ispezione del veicolo faceva rilevare la presenza di una botola di accesso ad un doppiofondo, occultata da una finta marmitta, ove sono stati rinvenuti 36 panetti di “eroina”, per un peso complessivo di circa 19 chilogrammi.
Il corriere, verosimilmente diretto nel Regno Unito, è stato tratto in arresto ed associato presso la Casa Circondariale di Bari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, cui dovrà rispondere del reato di traffico internazionale di sostanze stupefacenti.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.