Sabato, ore 07:52

Aveva compiuto una rapina in una banca, ubicata in piazza Bovio, a Minervino Murge, portandosi via poco meno di 18 mila euro. Dopo quasi un anno è arrivato il “conto” da pagare, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal GIP del Tribunale di Trani, su richiesta della locale Procura della Repubblica, ad un 19enne di Barletta, già noto alle forze dell’ordine, accusato di rapina aggravata.

I fatti risalgono allo scorso 28 febbraio, quando un individuo, a volto scoperto e disarmato, entrato in banca, intimava al cassiere di consegnargli il denaro, scavalcando, nel contempo, lo sportello. Ottenuto il bottino, riposto in un sacchetto, si faceva aprire le porte per poi allontanarsi per le vie circostanti.

Le indagini avviate dai carabinieri della locale Stazione, basate principalmente sulle testimonianze rese dai testimoni, poi confrontate con le immagini impresse dalle telecamere di sorveglianza installate nei locali della banca e all’esterno, hanno permesso di individuare il responsabile. La perquisizione eseguita presso l’abitazione del sospettato, infatti, ha permesso ai militari di rinvenire e sequestrare gli indumenti utilizzati dal giovane durante la rapina.

Il quadro probatorio così venutosi a formare ha consentito all’Autorità Giudiziaria di emettere il provvedimento cautelare nei confronti del 19enne, eseguito l’altra mattina.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.