Cassonetti stradali divelti e rifiuti ingombranti abbandonati. L’altra faccia del vandalismo

IMG-20150107-WA0000Venerdì, ore 12:46

Ricordiamo che è attivo il servizio dell’Ecologica Pugliese per il ritiro gratuito di rifiuti ingombranti

Inculcare il senso civico nelle nuove generazioni, sin dalla più tenera età, sarà il solo passo,  l’unica soluzione per riuscire a contrastare e magari un giorno – anche se può sembrare un’utopia – annichilire il fenomeno del vandalismo.

Analisi sociologiche indicano che tale comportamento è maggiormente comune tra gli adolescenti; tra loro si avvertirebbe in maggior misura la necessità di sentirsi grandi, famosi, popolari: “non si tratta di una sfida con il mondo adulto, ma di un riconoscimento sociale di cui il ragazzo ha fortemente bisogno”.

Anche se negli ultimi anni, nella nostra città, stiamo assistendo ad un considerevole aumento della civiltà da parte dei nostri concittadini, tuttavia, seppur isolati, gli episodi vandalici sono all’ordine del giorno.

Alcuni lettori ci hanno infatti segnalato la presenza di cassonetti stradali divelti e perciò maleodoranti in Largo Portavecchia e via Finamore Pepe: proprio in pieno centro, nei pressi della Piazzetta intitolata a “Falcone e Borsellino”, alcuni residenti contribuiscono all’inciviltà cittadina conferendo rifiuti ingombranti, che per giorni rimangono sul marciapiedi o sulla sede stradale.

Pertanto, ricordiamo che “le utenze domestiche, attraverso il numero telefonico del Gestore (tel. 3407828191) possono prenotare, dalle ore 9 alle ore 13, la raccolta domiciliare nel numero massimo di 3 pezzi di rifiuti ingombranti ed apparecchiature elettriche ed elettroniche, oppure possono conferire direttamente presso il Centro Comunale di raccolta; ulteriore possibilità è quella di consegnare al negoziante, in cambio dell’acquisto di una apparecchiatura nuova, equivalente per funzione, in quanto il negoziante stesso è obbligato a ritirare gratuitamente”.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.