Mercoledì, ore 15:34

La ribellione dei genitori

 

Un euro a pasto anche per coloro i quali hanno un reddito I.S.E.E. inferiore ai 7.500 euro.

Da oggi in poi, i fruitori del servizio della mensa scolastica cittadina dovranno contribuire simbolicamente alle spese affrontate dal Comune di Monopoli, mentre per i soggetti che non possiedono reddito l’esenzione continuerà ad essere totale.

La decisione, assunta, dopo aver consultato la maggioranza, dall’attuale Amministrazione Comunale attraverso la delibera di Giunta sulle aliquote del novembre scorso, quotata insieme al Bilancio di Previsione il 22 dicembre 2014, scatena la ribellione di alcuni genitori che, questa mattina, hanno ricevuto un sms e che per tale motivazione hanno inteso rivolgersi alla nostra redazione di “The Monopoli Times” per avere contezza della situazione.

Per questo motivo, pochi istanti fa, abbiamo intervistato il Sindaco Emilio Romani che, in esclusiva, spiega attraverso le nostre pagine le motivazioni che hanno mosso l’Amministrazione ad introdurre quello che vuol essere soltanto un contributo simbolico: «dopo aver introdotto le agevolazioni per reddito I.S.E.E. e l’esenzione per chi ha un reddito I.S.E.E. inferiore ai 7.500 euro, ci siamo resi conto che questi ultimi costituiscono ben il 44 % dei fruitori del servizio della mensa scolastica, che costa al Comune milioni di euro all’anno. Un conto sarebbe se la percentuale fosse più bassa. Perciò, abbiamo ritenuto giusto introdurre un rimborso simbolico, perché il Comune deve fare agevolazioni, non esentare qualcuno, dato che paghiamo cinque volte tanto a pasto».

D’altronde, bisogna tenere conto dell’intero iter prima che il pasto caldo possa arrivare in tavola: dopo l’acquisto degli alimenti tutti selezionati e freschi, personale specializzato (che viene adeguatamente retribuito) provvede alla preparazione delle pietanze ed alla loro cottura (che naturalmente avviene con l’utilizzo di gas metano); dopo il confezionamento dei cibi, essi vengono infine trasportati (immaginiamo i costi del carburante) e consegnati ai consumatori finali.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.