Giovedì, ore 08:00

L’Amministrazione Comunale rassicura i residenti della zona

Prosegue il rifacimento del basolato nel Centro Storico

Soltanto il 16 dicembre scorso, con l’articolo “Prosegue il rifacimento del basolato nel Centro Storico”, la nostra redazione di “The Monopoli Times” aveva riportato i legittimi timori di alcuni dei residenti del Centro Storico cittadino, dove in questi giorni prosegue il rifacimento del basolato, così come previsto dai lavori del PRUacs “Centro Storico” da 3 milioni e 800 mila euro.

Al riguardo, l’Amministrazione Comunale capeggiata dal Sindaco Emilio Romani ha inteso rassicurare i cittadini che le antiche chianche “provenienti dalle vie Ginnasio e San Leonardo sono conservate presso il deposito comunale del locale Comando di Polizia Municipale, dove ogni singolo pezzo è stato catalogato. Le stesse, pulite e risagomate,  saranno riutilizzate lungo la Via San Leonardo a completamento dei metri quadri di basole già esistenti nella via.

La presenza di altro materiale sul cantiere, tuttavia, sarebbe dovuta al fatto che “il numero delle chianche antiche non è sufficiente a ricoprire l’intera strada, sia in termini di larghezza che di lunghezza, in quanto negli anni addietro, più volte, la strada è stata oggetto di manutenzioni da parte di Enti erogatori di servizi, che hanno eseguito gli scavi senza il recupero del basolato”.

Difatti, “sin dal 2008 – assicura l’attuale Amministrazione Comunale – tutti i lavori di rifacimento del basolato del centro storico avviati hanno comportato la catalogazione, il deposito temporaneo presso il Comando di Polizia Locale e il successivo recupero delle chianche attraverso la posa sulle stesse vie dalle quali erano state divelte. Solo nel caso in cui queste non sarebbero risultate sufficienti a coprire l’intera sede stradale, si è provveduto a implementarle con nuove chianche”.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.