Perde tutto alla slot machine e diventa irascibile. Arrestato

Martedì, ore 07:16

Nella serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Corato hanno tratto in arresto due persone, una incensurata 38enne ed il figlio 21enne, già noto alle forze di polizia. Domenica sera il giovane, che già da qualche ora era intento a giocare alle slot machines in un esercizio commerciale, assuefatto dalle puntate e indispettito per le mancate vincite, dopo aver sganciato alcuni cavi dagli apparecchi da gioco ed averli danneggiati, cercava di allontanarsi venendo fermato dall’esercente. Allertati da alcuni cittadini che assistevano alla lite tra il commerciante, vittima del danneggiamento, ed il malintenzionato, sul posto intervenivano i Carabinieri della locale Stazione. Alla vista dei militari il giovane è andato in escandescenza, innescando una violenta colluttazione e dandosi precipitosamente alla fuga. Le immediate ricerche del fuggitivo, condotte anche con l’ausilio di altra pattuglia del Nucleo Radiomobile di Compagnia, si concludevano presso il locale Ospedale dove i militari riuscivano ad intercettare e bloccare il malvivente. In quelle fasi, allo scopo di screditare l’operato dei Carabinieri e tentare invano di impedire che il figlio fosse condotto in Caserma, la madre inveiva contro i militari, aggredendo uno di essi con graffi e calci procurando loro lesioni. Tratti in arresto su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, il 21enne è stato associato presso la casa circondariale di Trani mentre la donna collocata ai domiciliari. Entrambi dovranno rispondere di violenza, resistenza, oltraggio a pubblico ufficiale nonché lesioni aggravate.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.