Spese folli con la carta di credito rubata. 31enne finisce in manette

Giovedì, ore 07:09

Ruba una carta di credito e corre subito a fare spese folli, ma individuata dopo accurate indagini è finita in carcere. È quanto hanno scoperto i Carabinieri della Compagnia di Bari San Paolo, in collaborazione con i colleghi della Sezione di Polizia Giudiziaria, che hanno arrestato una donna di 31anni della zona, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Bari, per furto aggravato, falsità in scrittura privata e sostituzione di persona.

I fatti risalgono allo scorso mese di luglio, quando la donna, recatasi presso un negozio di un’area commerciale ubicata in via De Blasio, introdottasi nello spogliatoio del personale dipendente, ha sottratto la borsa di una commessa, al cui interno vi erano custoditi, oltre ad effetti personali e ad un cellulare, anche documenti di identità e una carta di credito. Quindi, allontanatasi dal centro commerciale a bordo della sua autovettura, si è diretta prima a Modugno, presso un negozio di abbigliamento per bambino, dove ha acquistato capi di abbigliamento per circa 250 euro. Ritornata a Bari, si è recata presso due negozi dai quali ha acquistato due telefoni cellulari per 900 euro e un tablet da 200 euro. Per finire, si è fermata ad un supermercato, sempre nel capoluogo, dove ha acquistato merce varia per 120 euro, che tuttavia ha dovuto pagare in contanti, poiché il sistema elettronico non autorizzava il tentato pagamento con carta di credito.

Le indagini avviate dopo la denuncia sporta dalla vittima hanno permesso ai Carabinieri, che si sono avvalsi sia delle immagini impresse dalle telecamere di videosorveglianza disseminate nei vari punti vendita in cui la stessa si era recata, sia del numero di targa rilevato dalle stesse immagini, di identificare la donna, poi deferita all’Autorità Giudiziaria.

Attualmente la 31enne si trova reclusa nella casa circondariale di Bari.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.