Questo slideshow richiede JavaScript.

Domenica, ore 23:44

 

 

Il luogo è altresì ricettacolo di rifiuti

Da decenni ormai, sulla Strada Provinciale 113 (che collega le città di Monopoli ed Alberobello), il Cristo sormonta una collina del Monte di San Nicola.

Il suggestivo luogo per la sua spettacolare vista panoramica, in cui è palpabile la devozione dei fedeli, è tuttavia diventato una discarica a cielo aperto.

Tra la macchia mediterranea si scorgono infatti rifiuti di ogni genere, talvolta anche ingombranti.

Il dato più sconcertante però è il fatto che le coppie scelgano di appartarsi senza ritegno in auto, proprio ai piedi della croce, per consumare il fuoco della passione.

Per tali motivazioni, la monopolitana Pina Lacitignola di concerto con l’assessore Giovanni Copertino vorrebbe che l’area fosse riqualificata e che si provveda alla sostituzione del crocifisso in cemento armato, che nel corso degli anni ha subito l’azione erosiva degli agenti atmosferici.

Da sempre impegnata nel sociale attraverso il volontariato, la Lacitignola ci ha raccontato che soltanto la scorsa primavera ha avuto la possibilità di ammirare il Cristo da vicino: “spesso sono passata di li con il mio gruppo, ma non ho mai avuto la possibilità di farvi una sosta. Ero da sola in sella alla mia bici e quel giorno decisi di fermarmi per ammirarlo da più vicino. Ne sono rimasta colpita: vedere questo stato di degrado in cui versa è stato come ricevere un pugno nello stomaco. Da quel momento, mi sono mobilitata affinchè Gesù Cristo possa essere adeguatamente venerato”.

L’idea sarebbe quella di realizzare un muretto a secco per far fronte al profondo dirupo, oltre che di collocare una piccola panca per permettere ai fedeli di poter pregare e, di sostituire il crocifisso con un altro da realizzarsi con un materiale più resistente.

L’unico problema che sussiste è quello di riuscire a reperire le somme necessarie, anche se la cittadinanza monopolitana pare che sia parsa sin da subito favorevole a sposare la causa.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.