Primarie centrosinistra: analisi del voto del Segretario cittadino del Partito Democratico

Lunedì, ore 11:22

Diroma: “risultato prodotto dello sforzo di tanti”

Un’affluenza inaspettata, ma un risultato elettorale più che scontato rappresenta il trionfo del Segretario Regionale del Partito Democratico Michele Emiliano alle primarie del centrosinistra pugliesi, che l’hanno decretato il candidato Presidente alle prossime Elezioni Regionali 2014.

L’ex Sindaco di Bari ha riscosso successo in tutte le province pugliesi, superando nettamente gli altri due candidati Guglielmo Minervini e Dario Stefàno, tranne che a Lecce dove è stato quest’ultimo il più suffragato.

Difatti, gli stessi monopolitani l’hanno premiato esprimendo ben 500 preferenze. Un dato che inorgoglisce il Segretario cittadino del Partito Democratico, Mimmo Diroma, che ha patteggiato per lui, al quale abbiamo voluto chiedere in esclusiva un’analisi del voto a caldo.

“Questo risultato è il prodotto dello sforzo di tanti – asserisce Diroma – e per questo voglio ringraziare i cittadini che con speranza hanno voluto dare fiducia ad un’ idea di rinnovamento e sviluppo della Puglia attraverso lo strumento delle Primarie. Con un ideale abbraccio voglio ringraziare i volontari che si sono avvicendati al seggio che abbiamo allestito in Piazza, in una splendida domenica in cui ha prevalso Michele Emiliano, ma soprattutto si è affermata la Democrazia partecipativa. Onore al merito agli altri candidati, entrambi protagonisti di una lunga stagione in cui la Puglia ha fatto passi da gigante verso un orizzonte di progresso, in un contesto nazionale ed internazionale molto difficile. È stata una competizione vera e combattuta e per questo non sono mancati momenti di asprezza, ma da domani bisognerà fare squadra per dare a Michele Emiliano lo slancio necessario e vincere le prossime elezioni regionali”.

 


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.