Lunedì, ore 07:02

Continua incessante l’attività di contrasto dei Carabinieri ai reati predatori contro le produzioni agricole. Questa volta a finire nella rete tesa dai militari sono state anche quattro donne foggiane, di etnia rom, arrestate dai Carabinieri della Stazione di Turi.

I militari, nel corso di uno specifico servizio lungo la strada provinciale per Castellana Grotte, hanno sorpreso le donne, tre sorelle e un’amica, rispettivamente di 56, 50, 47 e 44 anni, mentre rubavano circa 50 kg di uva da tavola qualità “Italia”, riposti nel bagagliaio di una Ford Focus.,. L’ispezione del veicolo (tra l’altro priva di copertura assicurativa e per questo poi sottoposta a fermo amministrativo) ha permesso di rinvenire due coltelli da cucina, utilizzati per tagliare i grappoli.

Tratte in arresto con l’accusa di furto aggravato in concorso, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, le quattro donne sono state sottoposte agli arresti domiciliari.  La refurtiva, invece, è stata restituita al legittimo proprietario.

A Sammichele di Bari, invece, padre e figlio, rispettivamente di 71 e 36 anni, sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Bari per gli stessi reati, poiché sorpresi dai Carabinieri della locale Stazione mentre caricavano su di un motocarro circa 30 kg di olive appena raccolte dall’interno di un fondo ubicato sulla via Vecchia Turi. La refurtiva è stata restituita al proprietario, mentre il motocarro è stato posto sotto sequestro, poiché l’anziano guidava il veicolo senza aver conseguito la prescritta abilitazione.

A Corato, infine, due 39enni del luogo sono stati arrestati, con le medesime accuse, per aver rubato circa due quintali di olive. I Carabinieri della locale Stazione, di passaggio per le contrade Colonnella-Lama di Grazia, hanno sorpreso i due mentre raccoglievano olive in un fondo di proprietà altrui. Nella circostanza sono stati sottoposti a sequestro gli attrezzi utilizzati per la raccolta, mentre le olive sono state restituite all’avente diritto. Dopo l’arresto, i due, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.