L’Arma dei Carabinieri festeggia la “Virgo Fidelis”

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sabato, ore 00:06

Commemorato il 73° anniversario della “Battaglia di Culqualber” e la “Giornata dell’Orfano”

Anche i Carabinieri della Compagnia di Monopoli, nel tardo pomeriggio di ieri, si sono ritrovati all’interno della Chiesa di San Domenico per partecipare alla Santa Messa in onore della Patrona della Benemerita, la “Virgo Fidelis”.

Così come dal 1949, quando Papa Pio XII proclamò ufficialmente Maria “Virgo Fidelis” Patrona dei Carabinieri, fissandone la ricorrenza al 21 novembre (data in cui la Cristianità celebra la festa liturgica della Presentazione di Maria Vergine al Tempio), anche quest’anno, i festeggiamenti hanno permesso di commemorare il 73° anniversario della “Battaglia di Culqualber” (nel 1941, ebbe luogo una delle più cruente battaglie in terra d’Africa, nella quale un intero Battaglione di Carabinieri si sacrificò nella strenua difesa, protrattasi per tre mesi, del caposaldo di Culqualber) e la “Giornata dell’Orfano”.

Una sobria cerimonia, alla quale hanno partecipato il Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Monopoli Cap. Giuseppe Campione, il Comandante della locale Stazione dei Carabinieri M.llo Vito Diceglie, il Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Monopoli Cap. Alessandro Vergine, il Comandante della Guardia Costiera di Monopoli T.V. Salvatore De Crescenzo ed il Dirigente del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza ViceQuestore Aggiunto Fabio Caprio, i membri dell’Associazione Nazionale Carabinieri, l’Associazione Nazionale Polizia di Stato sezione di Monopoli presieduta dal Cav. Antonio Bucci e l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia presieduta da Martino Tropiano, al termine della quale un marinaio in quiescenza ha recitato l’Ave Maria, dopo la lettura della preghiera del Carabiniere.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.