“Il Derby di Milano più problematico della storia sta per aprire i cancelli…”

thohir-galliani-258

Sabato, ore 16:32

2 Squadre in cerca di una MEZZA identità

Ciao a te che mi leggi.
Sei Milanista? Forse Interista?
Forse in questo derby sei neutrale o semplicemente ti piace il calcio. Bene.
Quale considerazione hai delle attuali compagini, Inter e Milan?

Sono ormai anni che di loro non si hanno notizie. Sembrano società allo sbando, senza un progetto. Qualcosa di davvero molto triste.
Questo non fa bene a Milano, ma soprattutto non fa bene al calcio italiano.

Iniziamo dall’Inter…

Perchè CACCIARE il Coach più bravo d’Italia e richiamare al suo posto l’allenatore (calciopolino) più vincente della storia dell’INTER?

N.B. Ritengo attualmente Mazzarri il miglior allenatore in Italia dopo il nostro CT della Nazionale.

Occhio che, se stai leggendo questo passo e sei INTERISTA, potresti risentirti molto perchè sarò molto critico e sarcastico (ti ho avvisato)

Siamo sicuri di una cosa, e cioè che l’allenatore migliore dell’Inter POST Mourinho è stato lo Stramaccioni che tanto bene sta facendo a Udine.

Cosa ci dice questo? A me dice che, ancora una volta, l’Italia calcistica non fa progetti, non punta sui giovani e butta tutto nel cesso. E se molto spesso questa è stata una prerogativa da anni ed anni di Massimo Moratti (ora non è il solo, tutta l’Italia calciofila funziona così) ora lo si sta notando anche nell’ERA Thohir (che sicuramente saprà di Business, ma sembra che di calcio ne capisca poco).

Ma torno un attimo a Stramaccioni e lo paragono con Seedorf, o potrei paragonarlo con Inzaghi.
Sono nuovi? Devono fare esperienza? Devi creare un progetto dietro all’allenatore? BENE, FALLO.

Non cacciarlo così solo perchè ti credi che chiamandoti INTER o MILAN e per forza di cosa o per sudditanza psicologica (si gli arbitri subiscono anche la sudditanza di Inter o Milan non solo quella della Juventus) devi fare meglio di un campionato che sta tra l’Europa League e la Champions (o poco peggio).

PROGETTO, parole estranee alla città di MILANO (calciofila)

Si è proprio così, a me sembra che stiano facendo di tutto tranne che preparare un progetto.
Prendiamo il caso specifico odierno.
Mazzarri arriva nell’era Moratti (che poi vende la società – forse già aveva intenzione di farlo da tempo). Moratti va via e Mazzarri nel frattempo fa un campionato discreto.

Vuoi subito la Champions? (si parlo agli interisti ora)
Mi sa che non sai come funzionano le cose nel calcio (serve tempo).

Volevi che Mazzarri stesse più su in classifica quest’anno?
Su questo ti do ragione. Ma mi dici cosa potrà fare Mancini?

Gli uomini sono quelli. Li farà girare meglio dici?
Al momento Mancini ha vinto qualcosa quando gli altri erano o in B o con squadre penalizzate o in rifacimento (in Italia).

In Premier? Si ha vinto uno scudetto ma con uno squadrone che ogni anno getta fuori dal finestrino 70-80 mln di sterline (in media) e prende tra i migliori giocatori in circolazione.

Parecchio più facile la vita così, non credi?

Poi non parliamo della parentesi turca ovviamente. Che dopo aver visto la fortunosa eliminazione della Juventus dalla Champions non ha visto altri traguardi prestigiosi.

Ma Mancini è un BROCCO?

No, per me non lo è affatto. Io infatti da simpatizzante (si diciamo tifoso OK) juventino lo avrei preferito ad Allegri (che sto però apprezzando a dirti il vero).

Ma quello che io contesto non è il cambio (ritengo comunque Mazzarri un allenatore migliore – non so se nelle piazze in cui si DEVE provare a vincere è un brocco) è IL PROGETTO.

– Quanto tempo starà Mancini all’Inter?
– Quale compito gli stanno dando?
– Stanno progettando una campagna acquisti diversa così da consegnare a Mancini una squadra diversa? (mi chiedo quindi perchè non è stato fatto il “sacrificio” per MAZZARRI?)
– Se l’Inter farà FLOP (diciamo OTTAVO-NONO posto, non ve lo auguro) Mancini ci sarà anche l’anno prossimo?

Che tu sia un calciofilo, un calciologo o semplicemente un Interista e riflettendo su tutte le domande che faccio in questo post vuoi dare un TUO contributo io aspetto la risposta qui sotto.

Sappi che io non credo sia sbagliato a priori compire una tale mossa, ma io vedo poco progetto nel calcio.

[Devi sapere che questa estate ho fortemente contestato e insultato la dirigenza juventina per il cambio di A. Conte – è stato un bene? Non lo credo neppure ora, ma dobbiamo conviverci. Sta facendo il meno peggio Allegri]

E cosa diciamo dell’acclamato a furor di popolo, Pippo Inzaghi?

Vorrei capire la differenza tra Seedorf e Inzaghi.
Esperienza in campo? Simile. Capacità? Si spera possa essere meglio Pippo (per il Milan).
GARANZIE? Zero.

Inzaghi come Mister ha mostrato un gioco più vivave delle precedenti gestioni, ma una difesa ancora peggiore.
Evidentemente serve tempo, ma soprattutto serve trovare un equilibrio.
Equilibrio che è fondamentale per le grandi squadre che vogliono puntare ad avere un assetto stabile e crescere.
Non a caso uno dei più grandi allenatori italiani di sempre, Fabio Capello, fa della solidità la sua arma vincente (ed il Milan lo sa bene).

Io, se ti devo essere sincero, sono sorpreso dall’Inter più che dal Milan. Aveva un assetto, doveva crescere con Mazzarri.
Inzaghi ha bisogno di più tempo.

Quindi sto derby?

Come si dice, il derby è il derby… infiammerà sempre la città e sarà una sorta di palliativo per la squadra che lo vincerà.
Un modo per sentirsi un pochino meglio nonostante l’attuale momento (che dura anni) non esaltante per i 2 club.

Sarà un derby spettacolare?
Potrebbe.
Inzaghi manda tutti all’attacco, Mancini è al suo primo approccio sulla panchina al suo ritorno a Milano.
Chi lo sa…

Anzi, concludo con una domanda a te che mi leggi (sempre se sei lì e non ti sei annoiato e cambiato pagina)…

… e se da questa partita ci fosse la svolta per una delle 2 squadre?

Il calcio a volte è strano ed imprevedibile e nessuno ha la sfera magica.

Viva il Calcio, Il Mastro


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.