Droga: ai domiciliari per una coltivazione di marijuana

6Mercoledì, ore 07:06

In un’insospettabile villetta presa in locazione alla periferia di Cassano delle Murge in contrada “Macchie”, tra pomodori e alberi da frutta, aveva allestito un’organizzatissima e ben nascosta coltivazione di marijuana. Sotto una serra fatta con un tendone di plastica, una quindicina di piante ormai giunte a maturazione, contraddistinte dall’indicazione della specie botanica e alcuni sacchi contenenti oltre 5 kg di foglie ed infiorescenze già esiccate e pronte per il consumo, il tutto per il considerevole peso di quasi 40 chili. Questo è quanto hanno scoperto lo scorso 23 settembre i Carabinieri  di Cassano delle Murge che nella serra hanno anche sottoposto a sequestro un rudimentale quanto efficace impianto di inaffiamento automatico e di ventilazione. Le successive indagini condotte dai militari, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Bari, hanno consentito di identificare il possessore della coltivazione raccogliendo sul suo conto numerosi elementi di responsabilità che hanno poi consentito all’A.G. di emettere il provvedimento restrittivo. Si tratta di un 38enne barese residente a Grumo Appula arrestato dai Carabinieri della Stazione di Cassano Murge in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Bari su richiesta della locale Procura della Repubblica con l’accusa di coltivazione illegale di cannabis indica. L’uomo è stato collocato ai domiciliari mentre il carico di droga è stato sottoposto a sequestro.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.