Il biancoverde “Mest Mob” finisce in tutt’Europa. Ma chi è?

mest mob (2)

Domenica, ore 13:02

La mascotte dei Bad Boys 1987 è diventata oggetto di imitazione da parte di numerose tifoserie

Nato nel 2003/04 per mano di due disegnatori monopolitani, Andrea Buongiorno e Alessandro, guidati dai suggerimenti del gruppo organizzato dei Bad Boys 1987 e dalla voglia di identificarsi oltre la solita bandiera inglese, da un po’ di tempo a questa parte, la mascotte biancoverde “Mest Mob” è diventata oggetto di imitazione da parte di numerose tifoserie italiane ed estere (Sporting Lisbona che ne hanno persino donato uno – esposto anche nel corso di una partita – in occasione di una vacanza di alcuni supporters biancoverdi, Aris Salonicco e da pochissimo anche di Fedelissimi Bari).

Nonostante nei primi tempi la reazione sia stata di risentimento, oggi, gli ultras hanno cognizione del fatto che la propria originalità sia apprezzata e che il significato sia stato colto, proprio nell’ambiente del calcio, dove è il suo pane quotidiano.

mest mob (1)Difatti, Mest Mob è parente di Andy Capp (personaggio principale di una serie di strisce a fumetti di satira a sfondo sociale, intitolata Andy Capp and Florrie (o più semplicemente Andy Capp), creata da Reg Smythe nel 1957, che pensa e parla di poche cose: donne, calcio, rugby, biliardo, freccette e ovviamente la birra. È sposato con Florrie (chiamata però sempre Flo), una donna che lavora onestamente in una fabbrica e che sopporta un marito fannullone, che invece di cercare lavoro passa tutta la giornata a dormire sul divano e, quando è sveglio, si piazza al bancone del pub vicino a casa a bere birra. La coppia è sempre indebitata fino al collo e stenta ad arrivare a fine mese: la potenza comica della striscia nasconde la drammaticità della vita dei due personaggi) e Mr Enrich: dal look al carattere irascibile, è amante della birra, innamorato del Monopoli e sempre pronto a difendere a spada tratta la propria monopolitaneità, oltre a credere molto nel valore dell’amicizia.

Anche il nome non è affatto causale, perché mescola la passione d’oltremanica e la monopolitaneità: dal dialetto “Mest” significa maestro, mentre “Mob” è uno slang inglese che significa folla, gruppo organizzato, spesso utilizzato in passato per identificare le frange inglesi.

Da diversi anni, Mest Mob ha addirittura preso vita…


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.