Venerdì, ore 16:27

Il secondo appuntamento di “Space is the place 2014” si terrà venerdì 14 novembre alle ore 20 nel Salone del  Conservatorio di Musica “Nino Rota”

“Composers’night #2”, il secondo appuntamento di “Space is the place 2014” (7, 14, 21 e 27 novembre) si terrà questa sera, alle ore 20 nel Salone del  Conservatorio di Musica “Nino Rota” di Monopoli.

PROGRAMMA

“Freeable”

di Lucia Bax

Lucia Bax : voce

Ilaria Strippoli : voce

Elisabetta Lovece : voce

Daniele Palmisano : flauto

Antonio Allegretti : basso

Leo Cofano : batteria

“Dall’altra parte del muro”

di Livio Bartolo

Livio Bartolo : Chitarra

Simone De Venuto: pianoforte

“Shamalaya”

di Ilaria Strippoli

Ilaria Strippoli : voce

Daniele Palmisano : clarinetto

Andrea Musci : chitarra

Antonio Allegretti : basso

Leo Cofano : batteria

“Natural Waves”

di Vito Pesce

Vito Pesce: chitarra

Mattia Catalano : chitarra

Giovanni Cristino: synth

“Cosmic Song”

di Isabella Prezioso

Isabella Prezioso: piano, synth e voce

Salvatore Ancora: contrabbasso

Massimo Negro: batteria

Lucia Iunco: voce

Antonella Chionna: voce

Elisabetta Lovece: voce

Ilaria Strippoli: voce

“Pollution”

di Michele Russo e Giovanni Longo

Michele Russo: pianoforte

Giovanni Longo: sax alto

“Song in the key of Gabri”

di Andrea Musci

Andrea Musci (chitarra)

Giovanni Longo (sax alto)

Lucia Bax (voce)

Antonio Allegretti (basso)

Leo Cofano (batteria)

Space Is The Place 2014 è un progetto degli  allievi del corso di Jazz del Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli e nasce dall’esigenza degli studenti di rappresentare in varie forme la propria visione musicale relativa ai due aspetti della creazione artistica legata al Jazz e non solo : la composizione e l’improvvisazione.  Con una programmazione concertistica che prevede performance di composizioni originali, esperimenti laboratoriali e progetti di ensemble di vario genere, Space Is The Place diventa un occasione per gli studenti di sperimentare di fronte ad un pubblico le proprie creazioni e di presentare i progetti e le formazioni  nate dall’iniziativa spontanea e indipendente degli studenti. Il progetto vuole essere inoltre un appuntamento di condivisione tra studenti e docenti di nuove visioni, nuovi significati e nuovi modi di abitare i luoghi dell’istituzione Conservatorio riempiendo gli  “spazi”  attraverso i  “posti/ luoghi ” della mente. L’immaginazione che il suono è in grado di stimolare, sia nella mente di chi crea che in quella di chi ascolta, definisce i nuovi luoghi e nuove mete.

INGRESSO LIBERO

 


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.