CENTRALINE

Mercoledì, ore 07:23

Sorpresi a rubare una Peugeot, nonostante l’alt intimatogli, si sono dileguati a bordo di una Seat rubata dopo aver speronato l’auto dei Carabinieri. Ne è nato un pericoloso inseguimento al termine del quale, vistisi alle strette, hanno deciso di abbandonare l’auto, carica di centraline elettroniche e arnesi da scaso, per poi dileguandosi a piedi per le campagne circostanti.

In tarda serata una pattuglia dei carabinieri della Compagnia di Molfetta, in servizio perlustrativo finalizzato alla repressione dei reati contro il patrimonio nella zona A.S.I., ha sorpreso due soggetti intenti a rubare una Peugeot. Gli stessi, alla vista dei carabinieri, sono saliti su una Seat Leon, con targhe sostituite e risultata rubata a Molfetta lo scorso 24 ottobre, che, nonostante l’alt intimatogli, ha puntato la “gazzella” dell’Arma speronandola e danneggiandola all’altezza del paraurti anteriore. Dopo l’impatto i malfattori si sono dati alla fuga venendo prontamente inseguiti.

La corsa durava qualche chilometro finché i fuggitivi decidevano di abbandonare il mezzo e, dopo aver attraversato a piedi la ss16, si dileguavano per le campagne circostanti.

Nell’auto i militari hanno trovato 43 centraline elettroniche, 1 scanner, 1 radio ricetrasmittente sintonizzata sulle frequenze dell’Forze dell’Ordine, 1 inibitore di segnale GPS, numerosi arnesi atti allo scasso tra cui 1 flex a batteria, il tutto sottoposto a sequestro.

Sono in corso indagini finalizzate all’identificazione dei malfattori.


La riproduzione, anche parziale, è consentita previa citazione della fonte “The Monopoli Times” con il relativo URL www.monopolitimes.com.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.