“Non sarebbe male vedere una ESA nel calcio!!!”

download (1)
Foto newspage.it

Venerdì, ore 15:10

ESA, la NBA del calcio

Per chi mi conosce non sarà nuovo quello che scriverò in questo articolo.

ESA sigla che ho preso da dove? Me la sono inventata, ma ho preso spunto dal campionato di basket dell’NBA.

Si tratta della European Soccer Association.

Ma di cosa si tratterebbe? E’ semplicemente presente nella mia mente la voglia di veder disputare ai grandi team di calcio europei una vera e propria Lega in cui I CAMPIONI si scontrano.

Per questo ho preso spunto dalla NBA. E’ uno dei campionati sportivi più prestigiosi al Mondo e più giusti (a mio modo di vedere).

 

Galliani sarebbe d’accordo

Ma di cosa sto parlando realmente? Sostanzialmente di quello che anche Adriano Galliani negli anni passati parlava. Invece di disputare una semplice Coppa in cui, alla fine, gli scontri diretti la fanno da padrone, creare una vera e propria Lega in cui partecipino le più grandi squadre europee.

 

Ovviamente ci sarebbe da snaturare i campionati nazionali (che non avranno più certe squadre) e si potrebbe pensare, al contrario della NBA, ad eventuali retrocessioni e promozioni in questa Lega fantomatica ( a seconda di un determinato coefficiente da determinare).

 

Di certo a Galliani la proposta nasce soprattutto per una questione economica, ed ovviamente ha le sue ragioni, io invece parlo di questa opzione semplicemente per dare all’Europa il vero Campione per continuità nell’arco dell’anno.

In un doppio confronto, infatti, possono esserci 3 variabili:

 

–       giocare male 1-2 partite

–       avere lo sfavore arbitrale che può essere decisivo

–     avere sfortuna, un rimpallo o qualsiasi altra occasione fortunosa

 

Se solo si verificasse UNA di queste variabili a sfavore della squadra migliore potrebbe benissimo uscire a discapito anche di una squadra abbastanza inferiore.

Si tratta di un attimo e tutto svanisce.

Parliamo di FATTI

Penso ad esempio al doppio confronto Barca-Manchester City.

All’andata la partita l’ha vinta l’arbitro non il Barcellona. Al ritorno è stato più “fortunato” (per l’arbitraggio) il City (gol regolare non dato al Barca) ma alla fine anche in quella partita il Manchester ha subito più torti arbitrali.

In ogni caso è stata la partita dell’andata a decidere la sfida ed all’andata infatti il Barcellona ha vinto 0-2. Primo gol di Messi su calcio di rigore proveniente da 2 evidenti errori arbitrali (3 se consideriamo che ciò ha causato anche l’espulsione del difensore del City).

Quindi gli inglesi hanno giocato tutta la partita in 10 e nel finale di partita Dani Alves ha condannato il Manchester alla sconfitta per 0-2.

Praticamente una condanna già annunciata prima di giocarsi il ritorno.

Alcuni mi diranno che il Barcellona è superiore al City, che lo ha anche dimostrato in campo col suo imporre il gioco e la sua capacità di palleggio. TUTTO GIUSTO.

Ma mi dite quanto sarebbe finito il doppio confronto senza errori arbitrali a favore del Barca? Io non lo so, e voi neppure immagino.

Con questo io credo che il Barcellona è superiore al Manchester City ma mi piacerebbe che questa superiorità la si veda in campo. Magari in un bel campionato giocato ad armi pari.

Ci può essere comunque l’errore arbitrale? Certo

La partita che va male? Sicuramente.

Sfortuna? Assolutamente SI.

Ma in un campionato hai 30-35 o 40 partite per dimostrare di essere superiore.

C’è un fattore che è più importante della semplice FORTUNA che è la CONTINUITÀ.

Lo diamo un consiglio a Blatter e Platini?

A dirvi il vero io avrei già in mente una bella formula da proporre agli organi supremi del calcio europeo, ma vista la chiusura e la prepotenza che si nota in Blatter e Platini credo che abbiano poca voglia di cambiare le cose per il meglio.

Preferiscono stare seduti su quelle poltrone e fare i padri-padroni della loro creatura.

Concludo questo articolo con una riflessione amici.

Non so come la pensiate voi e se quello che scrivo in questo articolo sia per voi interessante, ma vi chiedo di rifletterci. Vi piace davvero tanto sentire che è stato il caso alle volte a definire una sfida???

Nella NBA raramente accade, perchè anche quando vengono fatti gli scontri diretti finali è sempre al meglio delle 7 partite. E credo che in quei casi la fortuna conta meno. Non credete anche voi???

Un abbraccio dal vostro Mastro del Calcio

Viva il Calcio 😉

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

2,598 Visite totali, 2 visite odierne