Maxi sequestro di prodotti elettrici cinesi

Venerdì, ore 11:49

La Guardia di Finanza e l’ufficio delle dogane sequestrano oltre 36 mila articoli contraffatti

​Dopo il recente sequestro di calzature contraffatte, lo scalo marittimo jonico diventa ancora una volta teatro di un maxi sequestro.

Questa volta a finire nel mirino delle Fiamme Gialle tarantine e dell’Agenzia delle Dogane è stato un container proveniente dalla Cina e diretto in Turchia.

Il container, che stazionava presso gli spazi portuali, in attesa di reimbarco per il predetto Paese mediorientale, è stato sottoposto ad attività di controllo sussistendo la possibilità che la merce ivi contenuta poteva essere dirottata ad imprese commerciali operanti sul territorio nazionale.

All’interno del container medesimo sono stati rinvenuti oltre 36.000 apparecchi elettrici costituiti da taglia-capelli, rasoi, regola-barba ed epilatori muniti del marchio contraffatto della nota azienda europea “PRIMAT”.

La perizia tecnica prodotta dal titolare del marchio ha confermato la contraffazione in argomento, ritenendola idonea a generare confusione ed indurre in errore i consumatori.

La merce, per un valore commerciale di oltre un milione e 400 mila euro, è stata sottoposta a sequestro.

Anche il sequestro odierno è stato condotto con l’ausilio del Sistema Informatico Anti-Contraffazione (S.I.A.C.), il cui obiettivo è quello di consentire una più completa e mirata attività di analisi di rischio nel contrasto all’”industria del falso”.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

1,668 Visite totali, 2 visite odierne

Redazione The Monopoli Times

"The Monopoli Times, la nuova frontiera dell'informazione" - www.monopolitimes.com Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Bari R.G. 4349/2014 Reg. Stampa 33