ap monopoli (1)

Venerdì, ore 10:23

La partita termina 83-68

Gara in grande equilibrio, con l’AP sempre in vantaggio di pochi punti ma con le redini dell’incontro ben in pugno fino al 3’minuto dell’ultimo quarto, quando a seguito di un tecnico, la formazione barese perde il controllo e subisce il recupero degli avversari che, galvanizzati da una serie di canestri da 3, chiudono la gara 83-68.
La disfatta comincia quando Liuzzi in contropiede viene raggiunto da un avversario che nel tentativo di rubar palla sferra la classica “manata” sulle mani dell’avversario che perde palla. L’arbitro assegna la palla al Lecce ed il giocatore monopolitano arrabbiato e contrariato si allontana scuotendo il capo. L’arbitro interpreta tale azione in una plateale protesta e commina il fallo tecnico. L’AP allora si innervosisce, perde lucidità e la difesa va allo sbando, consentendo così al piccolo Salamina di sferrare 3 terribili bombe da lunga distanza che abbattono i monopolitani.
Insomma, una trasferta amara per Monopoli che deve in fretta recuperare amalgama e determinazione per affrontare sabato prossimo la trasferta di Taranto.
Intanto, in classifica l’AP conserva il 3° posto, ancora una volta insediato dal Mesagne, entrambe a 10 punti dalla capolista, con un Lecce in rimonta a – 4 dall’AP, che ha in squadra giocatori di serie superiore come Rollo, Ferilli e Puglia.
Insomma, a 6 gare dalla conclusione del campionato, squadre come il Lecce, che hanno in forza fuoriclasse, potranno stravolgere il campionato, ma dovranno fare i conti con quelle invece che hanno la loro forza nel gruppo, come l’AP. Si va, quindi, verso un finale tesissimo che fino all’ultimo terrà col fiato sospeso i tanti appassionati di pallacanestro.

Ufficio Stampa
Ruben Rotundo

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

1,985 Visite totali, 2 visite odierne