Nuovo ospedale: firmato l’accordo. Serve vigilare sul “San Giacomo”

Angelo Giangrande - Foto Paola Calabretto
Angelo Giangrande – Foto Paola Calabretto

Giovedì, ore 14:56

L’impegno e l’appello della Conferenza delle Associazioni per la Difesa delle Strutture Sanitarie Cittadine

 

LA NOTA INVIATACI

Nel momento in cui alcuni si affannano a dare notizie circa il nuovo ospedale, ci pare opportuno segnalare come, grazie al nostro impegno, si è arrivati a tale importantissimo traguardo.

Il 9 gennaio 2012, in uno dei tanti incontri con l’ex assessore alla salute Tommaso Fiore, con quale avevamo instaurato un ottimo rapporto, sottoponemmo alla sua attenzione il  Piano di fattibilità per la sopraelevazione di 4 piani sulla cosiddetta “Piastra”.

In quella sede, però, l’Assessore ci comunicò che il CIPE aveva  stanziato dei fondi  per la costruzione di nuovi ospedali in Puglia, di cui uno a Speziale da 190 posti letto con la contestuale chiusura degli ospedali di Fasano,Ostuni e Cisternino, quest’ultimo già riconvertito, fondi che non potevano essere stornati per completare il “S.Giacomo” come noi chiedevamo

La notizia del nuovo ospedale a Speziale, che già conoscevamo, non ci trovava d’accordo anche perché in tal modo il nostro territorio sarebbe stato penalizzato: infatti il nuovo ospedale avrebbe finito per depotenziare il nostro (come già denunziato con un nostro documento del 10.10 2007, prot.n. 8/07).

Pertanto, pure a malincuore, proponemmo che il nuovo ospedale, se proprio si doveva fare,

sarebbe stato più opportuno spostarlo più a Nord in modo che fosse a servizio di una “Area Vasta” comprendente anche i Comuni di Monopoli, Polignano a Mare, Conversano e Castellana e quindi, chiudendo il “S. Giacomo”, realizzare un megaospedale con più pp.ll. e reparti.

Durante il lungo incontro alla fine l’Assessore si mostrò favorevole alla nostra proposta e indicammo come ubicazione la contrada l’Assunta, cosa che piacque all’Assessore che ci invitò a sollecitare il nostro Sindaco per  individuare un suolo da circa otto ettari vicino alla superstrada Bari-Brindisi.

(Sul perché proponemmo la scelta dell’Assunta e non Monopoli diremo in altra occasione).

L’indomani portammo la bella notizia al nostro Sindaco che si impegnò a quanto richiesto dall’Assessore.

Nel contempo,giova precisare anche,che su indicazione dell’ex Direttore Sanitario del nostro Ospedale, dott Sansonetti, incontrammo più volte il Comitato per la difesa dell’ospedale di Fasano per ottenere un supporto a tale scelta riscontrando facile adesione non solo perché più vicino al loro Comune ma soprattutto perché, dicevano, il nuovo Ospedale sarebbe stato più attrezzato con i suoi 299 pp.ll contro 190 della precedente proposta.

Fatta questa premessa, importante per la storia dell’ospedale che verrà, ora ci preme sottolineare alcuni aspetti. almeno tre!

1) è opportuno proporre una rivisitazione dei pp.ll (299) da realizzare.

Infatti facciamo rilevare che il numero totale dei posti letto da attivare ci sembra insufficiente se si considera che questo dovrà sostituire i tre ospedali da sopprimere (Monopoli; Fasano ed Ostuni) oltre a quello di Conversano già chiuso servendo, come previsto, ben 9 comuni ( Fasano, Cisternino,Ceglie, Ostuni, Monopoli, Conversano, Polignano a Mare, Locorotondo e Alberobello) con una popolazione di circa 224.000 abitanti
Infatti il totale dei pp.ll. dei tre ospedali da sopprimere ( 325+58 di Conversano) è abbondantemente superiore ai 299 da realizzare e soprattutto di molto inferiore al rapporto 3,5 pp.ll. per mille abitanti previsto per legge!

In particolare:
– assolutamente insufficienti i pp.ll. di Otorinolaringoiatria (3) considerando che attualmente presso

   il nostro ospedale sono attivi ben 10 pp.ll.;
– ci sembrano anche insufficienti i pp.ll. di oculistica (4);
– soprattutto manca l’ U.P. di Neurochirungia in un ospedale ubicato su un territorio strategico;

– manca l’U.O. di oncologia considerando la notevole presenza di malattie neoplastiche;

– manca l’U.O. di Geriatria e tutti sappiamo quanto sia indispensabile un tale reparto se si tiene

  conto dell’allungamento dell’età media e di conseguenza del numero sempre crescente di anziani

  bisognosi di cura;

– alcuni tecnici di radioterapia ci hanno segnalato che sarebbe meglio avere due acceleratori anzicchè un

   acceleratore  ed una IORT.

Quanto sopra riteniamo opportuno segnalarlo tempestivamente , specie ai nostri Responsabili Sanitari, prima di procedere alla progettazione tecnica per un più approfondito esame.

2) Occorre vigilare perché la sede prevista (contrada Lamalunga) non sia spostata più verso Fasano precisando che già vi sono stati tentativi in tale senso che noi abbiamo segnalato all’Assessore Elena Gentile in un recente incontro ricevendo assicurazioni che il nuovo ospedale sarebbe stato, testuali parole,: “MONOPOLI trattino FASANO”.

Ma bisogna continuare a vigilare anche perché Fasano conta. (ahinoi!) referenti in Regione (ben due consiglieri!).

3) Infine, anche se sembra prematuro parlarne, è necessario sin da ora segnalare che il nome che si vorrebbe dare al nuovo ospedale (Ospedale della Valle d’Itria) proprio non ci piace perché non corrisponde al territorio che servirà ed è bene sin da ora farlo presente per evitare di arrivare tardi.

In proposito proponiamo di indire una forma di referendum tra le popolazioni interessate per l’intitolazione di detto nuovo ospedale.

In conclusione vogliamo anche ribadire con forza che in attesa di questo nuovo ospedale, che comunque avrà tempi lunghi, è necessario vigilare perché il “S.Giacomo” non venga depotenziato, come sta avvenendo, ma anzi è necessario battersi per il suo potenziamento come già dichiarato in un nostro precedente documento.

                                                                                                          Il Coordinatore

                                                                                              (Prof. Angelo Giangrande)

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

3,112 Visite totali, 2 visite odierne