Redazione The Monopoli Times 16 febbraio 2014

 

Domenica, ore 11:10

Piu` gente in piazza: volonta` o semplice casualita`?

di Paola Calabretto, giornalista
di Paola Calabretto, giornalista

Oltre ad essere piuttosto modaioli e ad essersi imborghesiti, i monopolitani sembrerebbero essere anche un popolo di nostalgici.

Con la nascita prima del gruppo e, successivamente anche della pagina Facebook, “Sei di Monopoli se..” (altra trovata degli internauti dopo la moda Spotted), infatti, molti di loro si sono sbizzarriti – quasi facendo a gara – a riscoprire e riassaporare il piacere del passato, ricordando i tempi andati, le tradizioni, i personaggi ed il proprio dialetto (nonostante qualche gaffe ortografica): in pratica  gli usi e costumi della nostra amata Monopoli, rivisitata mediante antiche e nuove fotografie..

Notevoli spunti di riflessione si possono quindi trarre per sottolineare il mutamento di una cultura – per certi versi – ancora gretta e provinciale, nonostante le enormi potenzialita` sviluppatesi con l`avvento del nuovo millennio e percio` della tecnologia che, di fatto, hanno segnato un nuovo inizio.

In un`epoca in cui la dignita`ed il buon costume avevano la priorita` assoluta per evitare il disonore di una famiglia e, allorquando la donna ricopriva un ruolo marginale nella societa` in cui era essenziale rispettare certi canoni e certi orari, soltanto il sabato era il giorno in cui ci si poteva permettere di uscire e percio` di fare vita sociale.

Considerato che determinati posti (Cala Fontanelle o il Centro Storico) erano da evitare per non incorrere nella trasgressione dei divieti imposti dai propri genitori, soltanto Piazza Vittorio Emanuele, per via anche dell`assenza dei telefoni cellulari che hanno semplificato la comunicazione senza piu` il bisogno di fissare un orario preciso, oltre che a costituire la cerniera tra il vecchio ed il nuovo centro abitato, era il fulcro della citta`: il luogo sicuro d`incontro per eccellenza.

Il borgo era inoltre l`unica vetrina in cui poter sfoderare le proprie armi di “seduzione” per conquistare quella che si credeva essere la propria anima gemella.

La nostalgia, nelle scorse settimane, sembrava aver preso il posto della modaiola monotonia e percio`, per ieri sera, si e` organizzato un ritorno a “u sprôssce” del sabato sera in piazza.

Anche noi di The Monopoli Times c`eravamo ed abbiamo registrato un modesto aumento di presenze che e` andato via via scemando.

Raccogliendo pareri, pare che la maggior parte dei “passeggiatori” fossero gia` di per se` assidui frequentatori del borgo, escluso alcuni che casualmente ci sono finiti: pochi, ergo, erano a conoscenza dell`evento (creato e pubblicizzato esclusivamente su Facebook) ed hanno pensato quindi di parteciparvi.

Un dato percio` va registrato: nonostante l`importanza  che la tecnologia assume quotidianamente nella nostra esistenza, internet non e` ancora – da noi – quel mezzo gratuito cosi` indicato per coinvolgere la cittadinanza alla vita attiva della propria citta`.


Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

1,665 Visite totali, 4 visite odierne