Confcommercio: obiettivo “territorializzare”

Martedì, ore 13:40

Commissariata la sezione di Monopoli. A brevissimo, Delibera di Giunta per la nascita di una conferenza permanente

di Paola Calabretto, giornalista
di Paola Calabretto, giornalista

Da fine novembre 2013, quando gli è stata attribuita la nomina, il Consigliere di Giunta Vito Abrusci e` il nuovo Commissario delegato della Confcommercio di Monopoli, associazione di categoria che ad oggi può vantare già di trecento associati.

La prima uscita ufficiale è avvenuta nella tarda mattinata di oggi a Palazzo di Città, nel corso di una conferenza stampa tenutasi all’interno dell’Ufficio del Sindaco Emilio Romani, il quale accorda piena disponibilità da parte dell’Amministrazione Comunale a sostegno della realtà associativa per l’importanza che riveste in una città come Monopoli, dove il «risultato della Confcommercio è un «risultato della categoria nella città».

«Ascoltare e coordinare le progettualità; permettere agli esercenti di interagire con i Presidenti Provinciali del corrispondente settore merceologico – ci spiega il neo Commissario delegato – perciò ho messo a punto un calendario di iniziative per ogni settore merceologico che spero col contributo dell’Amministrazione Romani di concretizzarlo, per prima cosa trovando una sede», in pratica, trovare un organigramma è la priorità del dottor Abrusci, il quale auspica in breve tempo il contributo partecipativo delle varie realtà cittadine, magari investendo in progetti alternativi e volti alla valorizzazione del ricco patrimonio storico, artistico, archeologico e culturale della città.

La quiete dopo la tempesta: del parere che «in ogni famiglia esistono delle incomprensioni, l’importante è superarle» è il Commissario delegato Abrusci.

Mentre si avvia questo percorso per ridare voce al territorio, il Primo Cittadino annuncia che, a brevissimo, una Delibera di Giunta segnerà la nascita di una conferenza permanente tra le istituzioni ed i rappresentanti delle associazioni di categoria.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

511 Visite totali, 1 visite odierne