6005a_img1024-700_dettaglio2_MANETTE

Mercoledì, ore 13:10

Alla base del gesto pare dissidi per questione economiche

 

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Tribunale del Riesame di Bari su richiesta della locale Procura dalla Repubblica a carico di una donna 51enne di Santeramo in colle, badante, accusata dell’omicidio di Santa Ladisi, pensionata 81enne, massacrata e soffocata con un sacchetto di plastica il 21 gennaio del 2010 a Santeramo in Colle. Alla base del gesto forse dissidi per questioni economiche.

L’autopsia stabilì che l’anziana donna fu uccisa per soffocamento con un sacchetto di plastica, dopo aver sbattuto violentemente la testa sullo spigolo di un tavolo.

Per sviare le indagini sarebbe stata poi simulata una rapina con la complicità di un’altra badante barese 50enne (che assisteva la figlia disabile della Ladisi)  arrestata per favoreggiamento nell’ottobre scorso.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

1,489 Visite totali, 4 visite odierne