Sequestro di persona e tentate lesioni aggravate: arrestato dai Carabinieri

images

Venerdì, ore 07:28

Sequestra i due nipotini e, coltello alla mano, aggredisce la figlia (madre dei dei bambini)

ANCHE IN VERSIONE AUDIO

Sfiorata la tragedia a Molfetta dove un 52enne dopo aver rinchiuso in casa i due nipotini ha minacciato la figlia, madre dei bambini, rincorrendola con un coltello. Bloccato dai carabinieri è finito in manette. Si tratta di un 52enne di Molfetta arrestato dai Carabinieri della locale Compagnia con le accuse di sequestro di persona e tentate lesioni aggravate.

Sembra che una 27enne del posto, madre di due bambini di 7 e 5 anni, per impegni lavorativi avrebbe chiesto a suo padre di badare ai minori per qualche ora, recandosi al lavoro.

Il nonno, dopo aver verosimilmente trascorso la serata in un bar vicino casa ed assunto alcolici, avrebbe inspiegabilmente telefonato alla figlia, e tra offese e minacce l’avrebbe accusata di aver abbandonato i due nipotini. Intuendo che il 52enne fosse in stato di ubriachezza la giovane si è quindi vista costretta a lasciare il posto di lavoro per andare a prendere i figli. Sul posto il genitore dopo aver rinchiuso i bambini, terrorizzati, all’interno del cancelletto della casa impedendogli di tornare dalla mamma, ha estratto un coltello rincorrendo la donna che si rifugiava in un ristorante poco distante.

L’immediato intervento dei carabinieri intervenuti grazie alla segnalazione fatta al numero di emergenza “112” da alcuni testimoni ha consentito di bloccare e disarmare l’uomo. L’arma è stata sottoposta a sequestro mentre il 52enne, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani è stato associato presso la locale casa circondariale. Fortunatamente i bambini e la donna, a parte lo spavento, non hanno riportato lesioni.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

1,261 Visite totali, 2 visite odierne