Spada e Leoci si “beccano” pubblicamente

Paolo Leoci

Lunedì, ore 17:16

Il palcoscenico della querelle diventa il social network più seguito

 

Correggere e spiegare le “cose inesatte per amor di verità”, dette o soltanto pensate, in merito all’utilizzo di contributi pubblici per la realizzazione del cartellone natalizio degli eventi culturali, considerato al pari di un calderone, è stata la preoccupazione del Consigliere delegato alla Cultura Giorgio Spada sulla propria bacheca Facebook, in un post da cui emerge tutto il proprio ribrezzo circa gli “errori” compiuti nel corso della storia.

L’ex Consigliere Comunale Paolo Leoci coglie così l’assist per asserire che, avendo accettato una delega consiliare, oggi il Consigliere Spada non rivestirebbe più quel ruolo di “stimolo alla buona politica” mediante il controllo dell’operato dell’Amministrazione Romani e che pertanto avrebbe dovuto con “debita dichiarazione in Consiglio Comunale e formale comunicazione scritta al Segretario Generale ed al Presidente della massima assise cittadina” adempiere ad un “obbligo” dello Statuto del Consiglio Comunale.

D’altro canto, Giorgio Spada ribatte: “non vedo cosa io avessi dovuto ulteriormente dichiarare oltre a quello che ho abbondantemente e pubblicamente (anche in Consiglio) dichiarato e che, credo, sia chiaro a molti, a chi in buona fede ha voglia di intendere. La stessa buona fede che ripongo in quello che faccio”.

IL POST DI GIORGIO SPADA

QUALCHE BUON VECCHIO E NOSTALGICO SOSTENITORE DELLA POLITICA E DELLA “MORALITA’ DI UNA VOLTA” MI SPIEGASSE, RISPETTO AD OGGI, COSA RIVENDICHI E RECLAMI DELLA “BUONA VECCHIA POLITICA DI UNA VOLTA” TRA: 

I CAMPI DI CONCENTRAMENTO NAZISTI, I GULAG RUSSI E SIBERIANI, LE SASSAIOLE, LA SECONDA GUERRA MONDIALE, GLI OMICIDI ALLE SPALLE DA PARTE DELLE BRIGATE ROSSE, LE BASTONATE A MORTE DEI FASCISTI, LE BOMBE DI STATO, LA P2, LE CARCERAZIONI COMBINATE, LE DEFENESTRAZIONI DEGLI ANARCHICI, I COMPLOTTI, LA CORRUZIONE DEMOCRISTIANA E SOCIALISTA, LA CORRUZIONE GLOBALE, I BAFFETTI DI OCCHETTO E D’ALEMA, “SINISTRI” VERSO LA META DELLA PRIVATIZZAZIONE DEI BENI DI STATO, I SINDACALISTI (CON DECENZA PARLANDO), I CATTOCOMUNISTI DA MERCATINO DELLO STRA-USATO IN CASHMERE, I FINTO-FASCISTI DALLE TESTE RASATE “VUOTO A PERDERE”, PIPPO BAUDO, CICCIOLINA, PANNELLA, I DATTERI E LE BOMBE AI NEGOZI E ALLE FINANZIARIE, ANDREOTTI, BERLUSCONI “DENTE BIANCO AUGH” SORRIDENTE NELLA STANDA, BUM BUM BAM E I PROGRAMMI CON LA PATINA DEI SOGNI DEL NATALE MEDIASET, “WE ARE THE WORLD” , I FORCONI…AHAHAHAHAHAHAHAHA, I FORCONI, AHAHAHAHAHAHAHA, I FORCONI, AHAHAHAHAHAHAHAH, COSA? I FORCONI…..SCUSATE: AHAHAHAHAHAHAHAHAH!!!! 
AH! SCUSA, AMICO! ASCOLTA! TI PREGO! IO NON HO SPESO 30.000 EURO PER IL CARTELLONE NATALIZIO, VOLEVO SOLO DIRTELO. 
FORSE NON TI E’ CHIARO; IO HO SPESO 6.000 EURO PER SPETTACOLI DI TEATRO, CONCERTI DI MUSICA ELETTRO-POP NEL LABORATORIO URBANO GIOVANILE E DI MUSICA ANTICA NELLE CHIESE, OSPITANDO I MIGLIORI NOMI ITALIANI DELLA MUSICA BAROCCA, MOSTRE E PRESENTAZIONI DI LIBRI CHE HANNO FATTO “SOLD OUT”. 
LABORATORI DI LETTURA, TEATRO E LAVORETTI NATALIZI PER I BIMBI DELLE SCUOLE IN BIBLIOTECA NONCHE’ PER TEATRINI DI MARIONETTE (IL NATALE, LA BEFANA, LA STORIA DI SAN NICOLA…), SEMPRE PER I BIMBI, LUCI DI NATALE PER IL MERCATINO A S. ANGELO….E, SENZA SPENDERE UN CENT PUBBLICO MA COME PRIVATO, TI DO’ COMUNQUE E SEMPRE “DIROCKATO”.
6.000 EURO, TUTTO COMPRESO. LA VERA PASTA GIALLA. NON DI PIU’; 
I CARCIOFI MIGLIORI A 3 EURO, PRATICAMENTE.
GIURO. POSSO PROVARLO E TU NON PUOI CHE CREDERLO. VOLEVO SOLO DIRTELO. SCUSAMI. GRAZIE.
PRESTO NE VEDRAI DELLE ALTRE BELLE.
PERCHE’ IO TI VOGLIO BENE E NON TI ODIO.
IO NON ODIO, ANZI, ODIO LA PAROLA ODIO.
G

PAOLO LEOCI LO COMMENTA

Egregio Consigliere Comunale Giorgio Spada, temo che il suo excursus storico sugli ultimi ottant’anni di politica non abbia giovato sulle sue valutazioni elementari dettate da principi basilari di politica e democrazia. Vorrei ricordarLe che Lei meno di un anno fa ha speso la sua candidatura a sostegno di uno schieramento e nella lista di un candidato sindaco che i monopolitani hanno delegato a fare la minoranza consiliare, l’opposizione, mi spiego meglio, l’altra parte della maggioranza, nonché il controllo dell’operato dell’amministrazione, lo stimolo alla buona politica. Mansioni diverse da quelle che Lei oggi svolge. Inoltre vorrei ricordarLe che lo statuto del Consiglio Comunale prevede, senza possibilità interpretative, che Lei, qualora abbia deciso di cambiare schieramento e passare nel centro destra a sostegno del Sindaco Romani, è libero di poterlo fare con debita dichiarazione in Consiglio Comunale e formale comunicazione scritta al Segretario Generale ed al Presidente della massima assise cittadina. Pertanto, Lei svolge una funzione impropria, non riconosciuta da forme statutarie, incoerente dal punto di vista elettorale e svilente per il ruolo istituzionale che rappresenta. Cordialità

 

I VARI COMMENTI CON IN TESTA LA NOSTRA “PROVOCAZIONE”

Monopoli Times mi permetto di intervenire e sottolineare che se il Consigliere Spada avrebbe dovuto con “debita dichiarazione in Consiglio Comunale e formale comunicazione scritta al Segretario Generale ed al Presidente della massima assise cittadina”, avrebbero dovuto farlo anche – E FORSE SOPRATTUTTO – altri consiglieri comunali di cui conosciamo bene il nome 

Paolo Leoci Monopoli Times nessun “avrebbe dovuto”, “E FORSE SOPRATTUTTO, avrebbero dovuto anche”, lo statuto del Consiglio Comunale non prevede spazi facoltativi, obbliga in tal senso el mio scritto in questa specifica occasione interviene su Giorgio Spada ma in altre occasioni ho già sottolineato il marasma che vige in maggioranza. Con l’Assessore Copertino che per dare un senso alla sua delega gioca a mettere il cappello su quanto di buono accade in amministrazione o auspicabilmente potrebbe accadere, Forza Italia che sembra la lista dei rimpatriati in maggioranza anch’essi a tutt’ora non dichiaratesi però fortunati, visto che il partito è lo stesso del sindaco hanno la strada spianata, faremo presto a dimenticare quello che si dicevano meno di un anno fa sui giornali e nostro malgrado adesso non potremo godere nemmeno dei reportage del buon Massimo Dileo che farà parte dello stesso partito, poi c’è il testimone di nozze del sindaco, per carità sempre coerente, ma con la fedeltà messa in discussione con il suo ultimo intervento consiliare dice e non dice con stile sacra corona unita per manifestare il suo malumore, vedendosi declassato da premiato vicesindaco senza essere stato eletto e candidato nella scorsa consiliatura della 1° amministrazione Romani a soldato semplice in un consiglio che quando di rado viene celebrato per ratificare decisioni prese nella stanza dei potenti senza il suo parere e come se non bastasse si vede sorpassato dagli acerbi fedeli bravi ragazzi numeri due dell’asse dominante degli ingegneri Emilio e Alberto. Pertanto, per Spada c’è solo l’aggravante sarcastico di non essere passata Forza Italia…

Massimo Dileo Caro Paolo Leoci ora vedrò quanti di questi rimpatriati voteranno forza Italia alle europee, comunque a breve mi offrirai un caffè vorrei scambiare due chiacchiere con te

Paolo Leoci Massimo Dileo io faccio politica per passione, quelli “impegnati” in politica a Monopoli, prima di far campagna elettorale curano bene l’attività di ritorno personale, per quanto riguarda il caffè non ci sono problemi, anche se correttezza vuole che chi invita paga…

Giorgio Spada Signori, giuro che questa è l’ultima volta che commento tali affari. Non sarà, però, l’ultima in cui esprimo un mio modo di vedere e pensare. Non so perché tu, Paolo, ti sia sentito chiamato in causa e non so perché, ma è prevedibile, ti abbia seguito a ruota qualcun’altro che, tuttavia, quando ha ritenuto, mi ha chiamato in causa, in una di quelle cause che però si perdono in partenza. Perché? Perché io non devo nulla a nessuno e non devo, ancora una volta, spiegare dove stia, chi sia e che non sia passato da nessun’altra parte rispetto a dove fossi. Ergo, non vedo cosa io avessi dovuto ulteriormente dichiarare oltre a quello che ho abbondantemente e pubblicamente (anche in Consiglio) dichiarato e che, credo, sia chiaro a molti, a chi in buona fede ha voglia di intendere. La stessa buona fede che ripongo in quello che faccio. In vero, la mia specificazione su quanto abbia utilizzato dei fondi pubblici per la realizzazione del cartellone natalizio era riferita a chi, come te e non solo te, ha pensato di considerarlo tutto un calderone e le cose inesatte, se permetti, a me va’ di correggerle e spiegarle, per amor di verità. Ciò detto, io continuo a volerti bene perché ti considero, al mio pari, un cittadino attento e solerte, a prescindere dalle diverse vedute. Tu sei di destra e io di sinistra. Se ritieni che questo teatrino abbia ancora un senso, più senso di quanto conti invece il sol buon senso nel cercare di fare delle cose utili e di quanto conti il rispetto tra gli uomini, perché sia invece sempre e comunque una partita aperta tra fazioni o perché ci sia un momento di sfogo perché le vicende sfuggono e quindi non si riesce a stare al passo allora, ti prego, dai pure sfogo, piuttosto, alla tua buona opposizione rispetto a chi ha davvero le redini di questa città. Io sono, attualmente, un bravo ragazzo, senza pregiudizi e cattiveria, che si adopera e null’altro. In molti, In tanti, troppi, ormai lo sanno e mi aiutano perché non dispenso odio ma amor per la sana collaborazione. Notte. G

Paolo Leoci Consigliere Giorgio Spada mi dispiace di averLa tediata, io non ho nulla da sfogare, faccio politica nell’interesse della città di Monopoli, parlo di politica facendo riferimento allo statuto che disciplina il funzionamento del consiglio comunale. Il tenore del Suo commento mi dà la riconferma che a Lei mancano le basi per comprendere la sostanza del mio discorso e finanche il ruolo istituzionale a cui è chiamato il Consigliere Comunale. Pertanto mi risparmierò dal controreplicare alle serie di assurdità che ha scritto in ogni rigo del Suo ultimo commento.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 4.0 Internazionale

310 Visite totali, 2 visite odierne