monopoli 5 stelle

Venerdì, ore 10:10

La priorità? Organizzare un tavolo tecnico sull’argomento

La costituzione di un tavolo tecnico è la priorità dell’Associazione “Monopoli 5 Stelle”, emersa nel corso di un incontro tenutosi martedì 14 gennaio per approfondire l’annosa problematica della sanità in città.

LA NOTA DI “MONOPOLI 5 STELLE”
Il problema della sanità rimane centrale nell’analisi politica dell’Associazione Monopoli 5 Stelle.

Proprio per approfondire tematiche ed emergenze del settore, martedi 14/01 u.s. si è svolto nella sede dell’Associazione un incontro degli iscritti ed attivisti col Dr.Francesco Sorino, consigliere comunale con delega del Sindaco alla sanità (in rappresentanza dell’Amministrazione), con il prof.Angelo Giangrande, rappresentante del Comitato Cittadino per la difesa delle strutture sanitarie e con il Dr.Antonio Bianchi, coordinatore in Monopoli del D.S.S..

La situazione permane particolarmente allarmistica dato il colpevole disinteresse delle forze politiche locali, provinciali e regionali, che negli ultimi venti anni hanno assistito, senza proferire verbo, ad un progressivo smantellamento del San Giacomo (che pure in numerosi reparti, grazie alla professionalità di primari particolarmente tenaci e di tutto il loro staff, avevano raggiunto livelli di eccellenza) e ad un impoverimento dei servizi di medicina territoriale.

A ciò va aggiunto il reiterato atteggiamento del Sindaco e dell’Amministrazione, che in un primo tempo, nella persona del Presidente del Consiglio Comunale, ha rigettato, con motivazioni pretestuose, la richiesta dell’Associazione Monopoli 5 Stelle, di un Consiglio Comunale monotematico sul problema della sanità cittadina; una seconda richiesta sullo stesso tema, giace al momento ancora inevasa.

In questo panorama di cinica noncuranza di uno dei diritti costituzionali fondamentali dei cittadini, quello alla salute, l’unico soggetto che con continuità in tutte le sedi, senza appoggi politici di sorta, in questi ultimi venti anni si è fatto carico di questo diritto negato -soprattutto alle fasce più deboli, potendo i ceti più abbienti rivolgersi al privato – è stato il Comitato Cittadino per la difesa delle strutture sanitarie col suo Presidente, prof.Giangrande, spesso osteggiato ed accusato di disturbare il manovratore di turno.

In realtà, se lo smantellamento totale non è avvenuto, il riconoscimento va interamente all’opera meritoria del suddetto Comitato: ultimamente, è stata sensibilizzata la città con la raccolta di quasi 7000 firme di cittadini preoccupati di dover pagare sulla propria pelle i costi della crisi e dell’insensibilità della classe politica.

Tutti i presenti all’incontro hanno ribadito con forza un punto chiave: la salute non ha colore politico ed è un Bene primario che va salvaguardato. Pertanto, tutti i presenti hanno dato mandato ad Angelo prof. Giangrande e a Francesco Dr. Sorino di attivarsi da subito, per costituire, in tempi brevi, un tavolo tecnico presso una qualsiasi sede comunale, presenziato dalla Massima Autorità Cittadina, aperto a tutte le forze politiche, operatori tecnici, associazioni e comitati cittadini, per affrontare tutti i problemi attinenti alle strutture ospedaliere e territoriali, per ricercare soluzioni condivise e per mobilitare la cittadinanza nel confronto con le autorità regionali.

Così facendo, ognuno di noi è richiamato al proprio senso di responsabilità, a dimostrare con i fatti e le scelte politiche se è al servizio dei cittadini (come si ama dire durante le campagne elettorali) o al servizio di se stesso e delle proprie ambizioni politiche.

Associazione Monopoli 5 Stelle

1,270 Visite totali, 2 visite odierne