Ex cementeria: la nuova proprietà si impegna a rispettare i “patti”

DSCN4504
Emilio Romani – Foto Paola Calabretto
Lunedì, ore 17:00
La nota del Sindaco in merito alle comunicazioni da ItalCementi e dalla nuova proprietà
 
Il Sindaco di Monopoli Emilio Romani interviene sulla sospensione dei lavori nell’area dell’ex cementeria, annunciando il ricevimento di due lettere da parte dell’ItalCementi e della nuova proprietà dell’area, la società SoleMare.
«A seguito della mia nota del 26 novembre scorso con la quale chiedevo lo stato di avanzamento dei lavori e il rispetto dei tempi previsti, l’ItalCementi ha preannunciato per le vie brevi una lettera che sarà inviata oggi nella quale si fa chiarezza sui lavori di demolizione dello stabilimento e nella quale si precisa che il ritardo accumulato è di circa tre mesi», sottolinea il Sindaco. Che precisa: «Nella nota a firma dell’architetto Carlo Barabani, si sottolinea che la demolizione si è rilevata più complessa del previsto e che la criticità della localizzazione del cantiere associata alle condizioni atmosferiche hanno portato ad un rallentamento dei lavori. A ciò si sono aggiunte le incertezze legate al Piano Paesaggistico Territoriale Regionale per il quale tra l’adozione e la pubblicazione sul Burp sono passati esattamente tre mesi pari al ritardo accumulato».
«In ogni caso», prosegue il Sindaco, «nella nota si informa l’Amministrazione Comunale che lo scorso 19 dicembre l’area è stata ceduta alla società Solemare, la quale è subentrata nei rapporti e nelle obbligazioni derivanti dagli accordi con il Comune di Monopoli. Tale circostanza ha determinato l’interruzione temporanea al fine di consentire il trasferimento della proprietà».
«Contestualmente ho ricevuto la nota dei nuovi proprietari nella quale si precisa l’intenzione a rispettare tutti gli accordi e le convenzioni in essere tra Comune e ItalCementi in relazione alla bonifica e alla trasformazione dell’area. Inoltre, si sottolinea che l’area è già completamente bonificata da tutte le sostanze nocive alla salute e che rimangono in piedi solo ruderi da demolire. Naturalmente dopo aver ricevuto tale lettera ho provveduto a scrivere ai nuovi proprietari chiedendo i tempi certi sulla demolizione», conclude il Sindaco.

820 Visite totali, 2 visite odierne