Istituto delle Ancelle: rimosso vincolo di inalienabilità

Martedì, ore 17:08

Approvata la “Sdemanializzazione relitto stradale ubicato in contrada Impalata e successiva alienazione”

di Paola Calabretto, giornalista
di Paola Calabretto, giornalista

«Voteremo contro» pronuncia impetuosamente il Sindaco Emilio Romani in risposta alle provocazioni, lanciate nella dichiarazione di voto contrario della Consigliera Comunale Marilù Napoletano (PD): «Vedremo quando arriverà la richiesta di variante urbanistica», in merito all’approvazione del punto n° 9. “Edificio in viale delle Rimembranze di proprietà dell’Istituto Ancelle del Santuario. Eliminazione del vincolo di inalienabilità”.

Le perplessità diffuse (legate all’eliminazione del vincolo di inalienabilità, che “spaventa” la collettività che paventerebbe la stessa sorte dell’istituto S. Giuseppe), tuttavia, non hanno fermato l’approvazione del provvedimento che lunedì sera (9 novembre) all’interno della Sala Consiliare “Ignazio Perricci” a Palazzo di Città, è stato approvato con dodici voti favorevoli (tra cui quello del Consigliere delegato alle Politiche Giovanili ed alla Cultura, Giorgio Spada, che sostiene una possibile destinazione dell’edificio – se dovesse servire – come sede ospitante la Caserma della locale Compagnia dei Carabinieri o con una funzione “culturale”, tirando l’acqua al suo mulino).

Difatti, il Primo Cittadino ha sottolineato come l’immobile ospitante l’Istituto Ancelle del Santuario (realizzato grazie alla Delibera di Giunta del 28 dicembre 1954 dell’Amministrazione Comunale dell’epoca), nel 2010 con l’approvazione del PUG (Piano Urbanistico Generale) è stato imposto che conservasse una destinazione per servizi di standard.

Ergo, nulla da temere.

Prima di concludere i lavori della seduta consiliare alle 22:25 con l’approvazione unanime del punto n°10. “Riconoscimento di legittimità di debito fuori bilancio per sentenza esecutiva emessa dal Tribunale di Bari nella causa vertente contro Antonio Giuliani, titolare della ditta Monopoli.net”, tra gli altri provvedimenti approvati, anche quello della “Sdemanializzazione relitto stradale ubicato in contrada Impalata e successiva alienazione” ha fatto parlare di sé. Era il 12 novembre scorso, quando la massima Assise cittadina decise di rimandare l’approvazione del punto per meglio approfondirlo e «verificare la fascia di rispetto, partendo dal ciglio stradale». Cambiare le linee sui manufatti è stata la proposta della Consigliera Comunale Angela Pennetti (Nuovo Centrodestra) – azione considerata “pericolosa” dal Sindaco Romani – la quale ha così deciso di esprimere parere contrario, così come votato contro dai Consiglieri Papio, Comes, Napoletano e Suma, mentre il Consigliere Spada ha deciso di astenersi.

294 Visite totali, 1 visite odierne