download

Lunedì, ore 07:52

Napoletano in trasferta viene arrestato dai Carabinieri

Utilizzando documenti falsi voleva aprire un conto corrente per poter incassare un assegno di 11.900 euro. Scoperto è finito in manette. Si tratta del 30enne M.D., della provincia di Napoli e già noto alle Forze dell’Ordine per precedenti specifici, arrestato dai Carabinieri della Stazione di Corato con le accuse di tentata truffa, ricettazione continuata, sostituzione di persona e falsità materiale commessa da privato.

Il giovane  si era portato all’interno di una banca di Corato dove aveva utilizzato una carta di identità e un codice fiscale contraffatti per aprire un conto corrente. Aveva con se una busta paga, un assegno e documenti, tutti intestati ad un’altra persona che sarebbero serviti per portare a compimento la truffa. Scopo del malfattore era quello di versare sul conto corrente un assegno di 11.900 euro per ritirare poi i contanti tramite lo sportello bancomat, carta di credito o assegni a valere sulla disponibilità del conto da lui falsamente aperto. Sul posto sono però intervenuti i carabinieri, allertati da personale dell’Istituto di Credito, che hanno svelato la vera identità dell’uomo. Quest’ultimo annovera sul suo conto numerosi precedenti per truffe effettuate nei giorni scorsi in un altro istituto di credito di Corato e in banche site in Cerignola e Manfredonia.

Tratto in arresto il 30enne, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, è stato associato presso la locale casa circondariale.

1,033 Visite totali, 2 visite odierne