Home > ATTUALITÁ > Santa Barbara: a Monteleone si intitola la Sala Conferenze

Santa Barbara: a Monteleone si intitola la Sala Conferenze

Mercoledì, ore 13:30

I festeggiamenti di stamane e l’intitolazione in onore del Sottocapo 3^ Classe Np. scomparso prematuramente il 21 luglio scorso

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Le forze dell’ordine, questa mattina, si sono ritrovate all’interno dell’accogliente Chiesa di San Francesco d’Assisi per il consueto appuntamento del 4 dicembre: onorare i festeggiamenti in onore della solennità di Santa Barbara, la Patrona della Marina Militare e protettrice dei Vigili del Fuoco e, chiederle l’intercessione.

La Santa Messa, officiata da don Vito Maria Schiavone, è stata occasione per ricordare le gesta del 25enne Nuccio Monteleone (Sottocapo 3^ Classe Np. Guardia Costiera – Ufficio Circondariale Marittimo di Monopoli), scomparso prematuramente il 21 luglio scorso ad Adelfia (nella sua città d’origine) in un incidente stradale, mentre faceva jogging, cui è stata intitolata (al termine dei festeggiamenti) in presenza dei genitori la Sala Conferenze della sede della Guardia Costiera – Ufficio Circondariale Marittimo di Monopoli.

Infine, la partecipata cerimonia (alla quale erano presenti il Comandante Guardia Costiera – Ufficio Circondariale Marittimo di Monopoli, T.V. Francesco Esposito che ha pronunciato parole toccanti, il Dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Monopoli, Vice Questore Aggiunto dott. Fabio Caprio, il Comandante dell’Arma dei Carabinieri della Compagnia di Monopoli, Cap. Giuseppe Campione, il Presidente dell’ANPS – Associazione Nazionale Polizia di Stato sezione di Monopoli, Antonio Bucci, la sezione cittadina dell’ANMI – Associazione Nazionale Marinai d’Italia ed il Sindaco di Monopoli, ing. Emilio Romani) si è conclusa all’interno dell’edificio di Cala Fontanelle con un sobrio rinfresco.

LA STORIA DI SANTA BARBARA – Si narra che Barbara di Nicomedia in Bitinia fu rinchiusa in una torre e poi condotta al martirio per la sua indomata fede cristiana osteggiata dal padre pagano Dioscoro, che “al quattro del mese di dicembre, regnante Massimiano imperatore, ed essendo preside Marziano…” (circa nel 288 d.C.), fu incenerito da una fulmine celeste, simbolo della morte immediata senza la possibilità di redimersi.

Ella fu prescelta perché rappresenta la serenità del sacrificio di fronte al pericolo senza possibilità di evitarlo, e fu eletta a patrona “di coloro che si trovano in pericolo di morte improvvisa”. Infatti, la martire, nell’imminenza del supremo sacrificio, pregò Gesù: “… tu che tendesti i cieli e fondasti la terra e rinchiudesti gli abissi, il quale comandasti ai nuvoli che piovessero sovra i buoni e sovra i rei, andasti sopra il mare e riprendesti il tempestoso vento, al quale tutte le cose obbediscono, esaudisci per la tua misericordia infinita la orazione della tua ancilla… Pregoti Signore mio Gesù, se alcuna persona a tua laude farà memoria di me e del mio martirio,… mandali grazia per tua misericordia”…

La compenetrazione leggenda/momenti di vita mistica spiega le ragioni per cui subito dopo l’invenzione della polvere da sparo ciascun magazzino di munizioni, in particolare sulle navi da guerra, per devozione alla vergine di Nicomedia, da sempre ha attaccato sulle pareti un’immagine della santa “perché siano preservati dal fuoco e dai fulmini celesti i depositi delle polveri che si chiamano appunto Santebarbare”… (Padre Alberto Guglielmotti).

A seguito del Breve Pontificio di Pio XII del 4-12-1951 di proclamazione solenne a Celeste Patrona, ogni 4 dicembre gli uomini della Marina Militare e quanti operano per essa, nel ritrovarsi con le comuni origini e valori, festeggiano solennemente e degnamente la loro Santa Patrona.

217 Visite totali, 1 visite odierne

Redazione The Monopoli Times
"The Monopoli Times, la nuova frontiera dell'informazione" - www.monopolitimes.com Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Bari R.G. 4349/2014 Reg. Stampa 33
http://www.monopolitimes.com