Tribunale: Leoci attacca il Consigliere Mastronardi

Paolo Leoci

Sabato, ore 12:16

L’ex Consigliere Comunale replica: “purtroppo sono abituato a documentarmi e temo che anche su questo fondamentale servizio per la Città (Giudice di Pace) mangeremo l’ultimo panettone”

All’indomani della querelle delle ultime settimane, il botta e risposta tra l’ex Consigliere Comunale Paolo Leoci ed il Sindaco Emilio Romani si arricchisce con il Consigliere delegato alla Formazione e Personale, Polizia Municipale e Contezioso Massimo Mastronardi.

Ecco che attraverso la propria bacheca Facebook, Leoci lo attacca sulla questione della soppressione del Tribunale di Monopoli, rifacendosi a vecchie dichiarazioni dell’avvocato, replicando: “purtroppo sono abituato a documentarmi e temo che anche su questo fondamentale servizio per la Città (Giudice di Pace) mangeremo l’ultimo panettone”.

Per Leoci, l’ultimo panettone dovrebbe essere la soppressione dell’ufficio del  Giudice di Pace di Monopoli e perciò la sorpresa non dovrebbe tardare ad arrivare: “ad aprile 2014 l’ardua sentenza”.

La nota di Paolo Leoci

 

E così il delegato dal Sindaco Romani al contenzioso, Avv. Massimo Mastronardi, con due parole, replica alla mia denuncia legata al fallimento della gestione politica della soppressione del Tribunale di Monopoli: “Ignorantia iuris, Paolo Leoci parla senza documentarsi”; ed io, cari cittadini, dipendenti del Tribunale ed avvocati farò ancora prima, non due parole ma una sola immagine, quella tratta dalla prima pagina della bacheca Facebook di: “Massimo Mastronardi – Elezioni comunali 2013 gruppo aperto”, con data 20 aprile u.s.: “Il TRIBUNALE PER CINQUE ANNI – Prorogati i tempi per la chiusura della sezione”. Ecco a Voi la foto di un articolo in cui veniva riportata la sintesi della conferenza stampa del delegato Mastronardi e del Sindaco Romani, tenuta nella stanza istituzionale del Palazzo di Città: con autorevolezza diffondevano certezze e garanzie, eravamo in campagna elettorale e tutto era assicurato… .nessun dubbio, Monopoli avrebbe mantenuto la sezione storica del Tribunale, i cittadini non avrebbero perso questo fondamentale servizio per la Città, i dipendenti a vario titolo avrebbero visto garantito il posto di lavoro in loco e gli avvocati non si sarebbero dovuti affannare per svolgere la loro professione, né sarebbero stati costretti a rivedere le parcelle per sopperire ai maggiori costi per le spese necessarie a compensare tempo e distanze. Le parole sono andate alle olive, anzi ai tendoni, quelli dell’uva da tavola di Rutigliano, neo articolazione del Tribunale di Bari, per la quale, a smentita di quanto dice Mastronardi, i parlamentari pugliesi sono stati ascoltati ed è valso il loro interessamento. Gentile Consigliere Mastronardi, Ella voleva che mi documentassi e io l’ho fatto; l’antipolitica non è un fenomeno casuale ma il risultato di mancanza di fiducia che i cittadini nutrono nelle istituzioni e negli uomini che non hanno la forza nelle gambe per reggere il peso del proprio ruolo, soprattutto quando un territorio e la comunità che lo vive subiscono un torto così eclatante che segnerà in negativo la storia della nostra Città. Confido nel Suo impegno affinché i fatti non la smentiscano nuovamente, stavolta sulla questione “Giudice di Pace”: purtroppo sono abituato a documentarmi e temo che anche su questo fondamentale servizio per la Città mangeremo l’ultimo panettone…..ad aprile 2014 l’ardua sentenza. Nell’interesse di Monopoli e dei Monopolitani confido nel Suo impegno, quale affermato professionista, consigliere, nonché delegato al contenzioso, invitandoLa altresì a più sagge determinazioni per non svilire ulteriormente il decoro dell’istituzione locale in termini di mero calcolo politico. Cordialità.

 

Paolo Leoci

1,020 Visite totali, 2 visite odierne

Redazione The Monopoli Times

http://www.monopolitimes.com

"The Monopoli Times, la nuova frontiera dell'informazione" - www.monopolitimes.com Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Bari R.G. 4349/2014 Reg. Stampa 33