Home > ATTUALITÁ > Verde: l’ok del Sindaco Romani

Verde: l’ok del Sindaco Romani

Il proficuo incontro tra il Primo Cittadino, il WWF Monopoli ed il movimento naturalMENTE

DSCN0680Anche il Sindaco di Monopoli, Emilio Romani, appoggia la proposta “Un albero per ogni bambino nato o minore adottato” del WWF Monopoli e del movimento naturalMENTE e, nel pomeriggio di ieri, nel corso di un informale e nel contempo proficuo incontro tenutosi (nel giorno della Festa dell’Albero, alla presenza di Pino Selicato del Comitato Costa Libera di Monopoli che ha condiviso l’iniziativa ) a Palazzo di Città ha espresso il proprio compiacimento.

«Sono contento che ci siano cittadini che disinteressatamente si occupano del futuro del verde cittadino» ha asserito il Primo Cittadino accordando alla delegazione intervenuta (con una petizione di 200 firme) la possibilità di piantare un alberello d’ulivo domenica prossima, 24 novembre 2013, presso la meravigliosa Lama Belvedere.

DSCN0678L’iniziativa sarà inoltre sostenuta dal Comune di Monopoli che la patrocinerà, permettendo così un’affissione gratuita delle locandine per la sua pubblicizzazione.

“Un albero per ogni bambino nato o minore adottato”. La nota di naturalMENTE

Nelle famiglie dei contadini italiane un tempo era uso piantare un albero quando nasceva un bimbo o una bimba.

Quest’usanza, negli anni ‘90 è diventata legge: precisamente con la c.d. “legge Cossiga-Andreotti” n. 113 del 29 gennaio 1992 si obbligavano i Comuni a piantare un albero per ogni bambino nato.

 

Tuttavia, è fin troppo evidente che questa legge non è stata pienamente applicata nel corso degli anni e, proprio per questo motivo, si è deciso recentemente di rimaneggiarla. Difatti, è entrata in vigore il 16 febbraio 2013, la Legge n. 10 che ha modificato le norme previgenti.

 

Con questo provvedimento si intende migliorare il verde pubblico nelle città e tutelare e rafforzare il patrimonio boschivo.

L’obbligo di piantare l’albero non si applica più a tutti i comuni, ma solo a quelli con una popolazione superiore ai 15mila abitanti, e non interessa solo le nascite, ma anche i minori adottati. Un altro cambiamento riguarda i tempi: la piantumazione dovrà avvenire entro sei mesi, e non più dodici, dalla nascita o dall’adozione.

 

Arriva anche il catasto degli alberi: ogni sindaco, alla scadenza dell’incarico, dovrà rendere pubblico il bilancio arboreo. Il censimento riguarderà anche gli alberi monumentali e storici della città. Insieme con questa, infatti, è stata emanata una legge per la tutela e classificazione di alberi monumentali.

 

Secondo l’Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, in Italia la perdita di zone verdi avanza ad un ritmo di 8 metri quadrati al secondo. La nuova legge dovrebbe, si auspica, contribuire ad arginare almeno in parte tale degrado ambientale.

 

In due settimane il movimento naturalMENTE ha raccolto più di 200 firme a supporto della petizione popolare con la quale si vuole sollecitare l’Amministrazione Comunale a porre in essere le misure necessarie per ottemperare alla disposizione normativa (legge n. 10/2013). Segno questo che i cittadini di Monopoli sono sensibili alle tematiche legate all’ambiente.

 

L’obbligo per il Comune di residenza di porre a dimora un albero per ogni neonato, a seguito della registrazione anagrafica, o minore adottato impone all’Amministrazione Comunale l’esigenza di trovare spazi verdi esistenti o superfici nuove adatte ad accogliere le piantagioni arboree.

Di tal ché, nell’incontro di questo pomeriggio si vuol chiedere all’Amministrazione comunale, di trovare spazi verdi esistenti o superfici nuove adatte ad accogliere le piantagioni arboree privilegiando parchi pubblici, istituti scolastici ed aree verdi attrezzate.

 

In particolare, i cittadini firmatari vogliono rassicurazioni, supportate da dati certi, sull’attuazione della Legge n. 10/2013.

Infatti, successivamente all’inizio della nostra raccolta firme e alla richiesta di un incontro con il Sindaco, è stato diramato dall’Ufficio di Staff del Sindaco un comunicato stampa nel quale si legge che sono state inviati “ai nuovi nati” i primi inviti a partecipare pubblicamente all’evento di “unione” albero-neonato.

Questo sta a significare che un primo impulso all’attuazione della legge è già stato dato, anche se la cosa ci ha sorpresi (per la tempistica).

Tuttavia, ciò è positivo, ma non sufficiente!

 

I firmatari della petizione chiedono, inoltre, al Sindaco di rendere noto il bilancio arboreo con indicazione del “rapporto fra il numero degli alberi  piantati  in  aree  urbane  di proprietà pubblica (…) dando conto dello stato di consistenza e manutenzione delle aree verdi urbane di propria competenza” del precedente mandato. In questo modo i cittadini potranno verificare “l’impegno verde” del Sindaco nel precedente mandato.

DSCN0677

Il “verde” nella nostra, come in tutte le città, è un patrimonio comune, necessario, fondamentale; soprattutto in realtà, come la nostra, congestionate da problemi di traffico, inquinamento e mancanza di spazi per la vita sociale. Gli alberi sono essenziali per la nostra salute ed hanno anche un valore storico e culturale. La loro conservazione è fortemente collegata alla difesa del territorio dai dissesti idrogeologici.

 

Per questo il movimento naturalMENTE, a nome dei cittadini di Monopoli, si impegna sin da ora a vigilare sull’operato dell’Amministrazione Comunale.

 

naturalMENTE

491 Visite totali, 2 visite odierne

Redazione The Monopoli Times
"The Monopoli Times, la nuova frontiera dell'informazione" - www.monopolitimes.com Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Bari R.G. 4349/2014 Reg. Stampa 33
http://www.monopolitimes.com