Calabretto lascia l’AP

Calabretto 10L’intervista
Sabino Calabretto, questa è la tua ultima gara con l’AP Monopoli, un bella stagione e tanti ricordi con questa squadra e questi giocatori?
«Dopo due anni ed otto partite di questa stagione, si conclude la mia avventura in AP. Un po’ di emozione c’è perché comunque ti affezioni sempre alle società in cui vai, ho giocato sempre per tutte le squadre di Monopoli, quindi per me è motivo di grande orgoglio anche questo. Lasciare sempre un segno in tutte le squadre in cui vado, spero di averlo lasciato anche in queste otto partite. So che i miei compagni sapranno cavarsela».
Calabretto 6Come ti sei trovato con questa società e quale sarà il tuo futuro?
«Sono stato sempre il primo giocatore chiamato in tutti e tre gli anni; quindi è stato motivo di grande orgoglio per me ricostruire la pallacanestro a Monopoli. Ora per motivi di lavoro lascio questa società ma sicuramente non lascio la pallacanestro che è la mia passione. Non posso buttare 20 anni così in un cestino».
Ma tu non abbandoni il basket, vero?
«No. Mi fermo per un po’, poi vedo come sono messo con il lavoro e poi ripartirò, ricominciando da zero».
Qualche consiglio a chi vuole cominciare adesso con la pallacanestro?
«Il consiglio che do ai giovani è di fare lo sport che vi piace, perché io lo faccio con orgoglio; poi se riesci a farlo per la tua città è sempre positivo».

 

Ufficio Stampa
Ruben Rotundo

Calabretto 8

906 Visite totali, 2 visite odierne