Spopola “Se non te”

hqdefaultIl video di Laura Pausini è stato girato anche grazie alla collaborazione di un monopolitano. L’intervista al cineoperatore Giovanni BarnabaMentre la cantante Laura Pausini festeggia i suoi vent’anni di carriera con la pubblicazione del suo nuovo album “20 – The Greatest Hits” (una raccolta dei brani più famosi con duetti internazionali, tracce speciali e di due singoli, tra cui “Limpido” in duetto con Kylie Minogue), il monopolitano Giovanni Barnaba può contare di aver partecipato fattivamente alle riprese del suo singolo “Se non te” (clicca qui per visualizzare il video ufficiale: http://www.youtube.com/watch?v=LL_G7hHJy3c).

“Se non te” – fonte TGCOM24
Il video, che è già disponibile sui canali ufficiali dell’artista e Warner Music Italia, ripercorre la vera storia di Fabrizio e Gianna (genitori di Laura Pausini): una coppia molto unita fin dall’adolescenza che rappresenta proprio l’amore forte e duraturo che, in oltre quaranta anni, non si è mai interrotto. Due ragazzi cresciuti in un piccolo paese dell’Emilia Romagna e diventati grandi insieme, coronano il loro sogno d’amore: il matrimonio e la nascita di una bimba. Nel clip è raffigurata anche la scena più volte raccontata da Fabrizio Pausini che, desiderando una figlia cantante, appoggiava sul pancione di Gianna un registratore sempre acceso che trasmetteva musica. A distanza di anni il suo sogno si avvera e la piccola Laura sale con lui su un palcoscenico per esibirsi. Inizia così la carriera di una delle più importanti cantanti al mondo che compare negli ultimi frame per abbracciare i genitori e guardare insieme con serenità al futuro sotto lo stesso albero in romagna, dove molti anni prima si davano la mano i suoi genitori. 

384665_4473853889528_1471037839_n

Come è nata questa collaborazione per la realizzazione del nuovo video del singolo “Se non te”?

«Collaboro già da diverso tempo con il regista – ci spiega Giovanni Barnaba – io lo chiamo “il maestro” Gaetano Morbioli, che cura videoclip per i big della musica italiana, tra cui Laura Pausini».

Dove è stato girato il videoclip? Quanto tempo ci è voluto? Con chi hai collaborato?

«Il videoclip è girato a Roma il 14 settembre 2013. Il video è ambientato negli anni 60-70 e ripercorre la storia dei genitori dell’artista, Fabrizio Pausini e Gianna Ballardini; due ragazzi cresciuti a Solarolo (un piccolo paese dell’Emilia-Romagna) e diventati grandi insieme, coronando il loro sogno d’amore: il matrimonio e la nascita di una bambina. Alcune delle scene della Solarolo di un tempo sono state girate in un piccolo paese in provincia di Mantova, Medole. I due rappresentano una storia d’amore forte e duratura fin dall’adolescenza che in oltre quaranta anni non si è mai interrotta. Nel video è raffigurata anche la scena più volte raccontata da Fabrizio Pausini che, desiderando una figlia cantante, appoggiava sul pancione di Gianna un registratore sempre acceso che trasmetteva musica. A distanza di anni il suo sogno si avvera e la piccola Laura sale con lui su un palcoscenico per esibirsi, iniziando così la grande carriera artistica. Il videoclip si conclude con una scena dove Laura Pausini abbraccia i genitori e guarda insieme con serenità al futuro sotto lo stesso albero, dove molti anni prima si davano la mano i suoi genitori».

Quando hai cominciato ad appassionarti a questo lavoro?

«Già da piccolino all’età di 6 anni filmavo tutto quello che mi circondava con la mia videocamera; pian piano crescendo ho scoperto che questa era la mia passione e la strada giusta da percorrere ed oggi è il mio lavoro! Oggi lavoro nel mondo del cinema come cineoperatore è sono molto spesso impegnato su diversi set diretto da grandi registi, mentre in Puglia a breve partiremo con le registrazioni delle nuove puntate di un format televisivo di promozione turistica che conduce alla scoperta delle Terre e dei Mari del Sud “Buon Vento”, ideato, scritto e condotto da Sabrina Merolla».

Quali sono le tue aspirazioni, progetti futuri e sogno nel cassetto?

«Progetti futuri? Mi piace pensare al presente perchè è già un grande traguardo per me trovarmi a lavorare al fianco di grandi professionisti da cui c’è solo da apprendere ogni giorno. La vita da set, è vero, ha ritmi molto scorrevoli però anche in quegli attimi riesco ad apprezzare gli attori che mi circondano con la loro semplicità e spontaneità. Mi piace guardarli mentre si aiutano a vicenda, magari per come impostare le proprie battute che dovranno andare a recitare. L’avrete capito sicuramente dalle mie parole che amo veramente quello che faccio: sono molto felice che la mia passione si sia trasformata nel mio lavoro e auguro a chi come me ha una passione di non abbandonarla e se sentite che potrebbe essere la vostra strada, non gettate mai la spugna perchè a volte basta solo crederci per davvero per arrivare dove desiderate».

1,131 Visite totali, 2 visite odierne